Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona- Salò. Il festival AcqueDotte si apre quest’anno con un pilastro della musica italiana: Max Gazzè inaugurerà la terza edizione del festival venerdì 7 luglio alle 21.30 in Piazza del Comune a Cremona.

È il primo dei dieci gli appuntamenti musicali della terza edizione del Festival AcqueDotte, la rassegna estiva in programma dal 7 luglio al 17 settembre tra Cremona e Salò. Proprio come l’acqua, che per natura scorre insinuandosi in ogni anfratto, così la musica invade diversi angoli delle due località lombarde, unite inscindibilmente da un unico flusso di gocce vitali e note musicali.

– Il tema dell’acqua è il “motore” anche della terza edizione del festival AcqueDotte, tuttavia la manifestazione realizzata sull’asse Cremona-Salò, e la cui rete di collaborazioni è sempre più estesa, ha ulteriormente sviluppato il proprio progetto e gli spettacoli vanno sempre più nella direzione di un dialogo/confronto di culture, espresso attraverso generi musicali e linguaggi diversi e tramite interpreti ancora più originali e interessanti. – racconta il direttore artistico Roberto Codazzi

– A ciò si aggiunga il fatto che, pur essendo improntato su un’altra grammatica, anche AcqueDotte non può ignorare il 450° anniversario della nascita di Monteverdi e nel 2017 rende omaggio al “divin Claudio” non tanto proponendo concerti di musica antica, quanto mutuando lo stesso spirito di sperimentazione che ha contrassegnato l’arte del rivoluzionario compositore cremonese, passato alla storia come l’inventore del melodramma. In quest’ottica il festival dedicato all’acqua presenta spettacoli di artisti e gruppi che a loro modo hanno rappresentato, o rappresentano, un momento di rinnovamento nel loro genere, che hanno fatto della ricerca e della costante tensione espressiva la propria bandiera. –

Anche quest’anno la direzione artistica di Roberto Codazzi ha riunito un cast di tutto rispetto. A Cremona, dopo il concerto di Max Gazzè, seguiranno altri due grandi concerti nel segno del pop con Nek e Francesco Renga e cinque serate raffinate tra jazz e musica d’autore con Enrico Rava, Gaetano Curreri, Sarah McKenzie, gli artisti del progetto MIDJ e l’inedito duo Enzo Favata-Mario Tozzi. A Salò due spettacoli sospesi fra teatro e canzone con la coppia Massimo Lopez-Tullio Solenghi e la band di Paolo Jannacci.

In più, due eventi speciali che rievocano suggestioni dannunziane, il Vate era appassionato schermidore e aviatore: un emozionante show della pattuglia acrobatica WeFly! Team sulle acque del lago e il doppio incontro, a Cremona e a Salò, con i campioni olimpici di scherma Rossella Fiamingo, Enrico Garozzo, Daniele Garozzo e Arianna Errigo, coordinati dal pluriolimpionico Mauro Numa.

Ouverture del festival con il live di Cremona il tour di Max Gazzè, partito il 26 maggio da Milano, che toccherà le città e i festival italiani più importanti, fino a concludersi a Roma il 31 luglio. Il cantante romano è uno dei più noti cantautori della cosiddetta “nuova scuola romana”.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *