Sirmione, Brescia –  “Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre”.

Le parole di Primo Levi ci ricordano come e quanto sia necessario avere memoria di ciò che è accaduto per scuotere le coscienze ed evitare che in futuro si ripetano gli errori del passato.

Dal 2006, nella data del 27 gennaio, si ricordano le vittime dell’olocausto: in quella data i soldati dell’Armata Rossa, che stavano avanzando verso la Germania, liberarono gli prigionieri del campo di concentramento di Auschwitz.

Ogni anno il Comune di Sirmione e la Biblioteca Comunale rendono omaggio a questo particolare giorno con attività dedicate, rivolte a pubblici differenti e svolte da diversi “oratori”.

Negli anni passati alcuni studenti sirmionesi partecipavano a viaggi culturali nei luoghi simbolo dell’Olocausto, un modo per capire e cercare comprendere da vicino il significato di quanto accaduto, per poterlo poi elaborare e riportare ai compagni di classe, ai compagni di scuola e alla comunità sirmionese, grazie ad attività mirate e serate organizzate dalla Biblioteca Comunale.

La pandemia non deve distogliere dalla centralità di determinati temi, per questo quest’anno la Giornata Della Memoria verrà ricordata a Sirmione in una modalità differente, ma non per questo meno efficace.

A partire da mercoledì mattina verranno pubblicati sul sito, sui canali social e sul canale YouTube del Comune di Sirmione 7 testimonianze sul tema, elaborate con la partecipazione di alcuni illustri personaggi cari al territorio: Alvaro Valsenti, Massimo Tedeschi, Flavio Marcolini, Lillo Marciano, Maria Gioia Casagrande, la Scuola Civica di Musica di Sirmione e OneLab di Sirmione Servizi offriranno il proprio video contributo per onorare la Giornata della Memoria e lo condivideranno con tutto il pubblico sirmionese.

In apertura di giornata l’intervento del Sindaco di Sirmione Luisa Lavelli.

Il programma degli interventi:

ore 10
Luisa Lavelli, Sindaco di Sirmione
Sono i giovani la memoria del futuro
ore 11
Cosa rimane dopo tanto tempo nella memoria?
Il viaggio della memoria di Giacomo Girardello, Giulia Franzese e Sarah Tononi
A cura di OneLab Sirmione
ore 12
Scuola Civica di Musica di Sirmione
Per violino solo. La mia infanzia nell’aldiquà (1938-1945), di Aldo Zargani
ore 14
Testimonianza di Alvaro Valsenti
32 giorni di cammino in fuga attraverso l’Italia del ’44
ore 15
Massimo Tedeschi, giornalista e scrittore
Il grande Flagello
ore 16
Flavio Marcolini, giornalista, professore, storico dei movimenti nonviolenti e pacifisti
Per evitare nuovi e più terribili massacri
ore 17
Lillo Marciano, artista
Non siamo numeri, siamo esseri umani
ore 18
Maria Gioia Casagrande, Insegnante e storica dell’arte
La memoria del territorio