Tempo di lettura: 2 minuti

Padernello, Brescia. Nelle mattine d’autunno le giornate si presentano con  un’overture velata di bruma, accrescono il fascino del castello di Padernello nei colori pastello del foliage  che lo circonda, una passeggiata accresciuta dal ritorno del Mercato della Terra domenica 17 ottobre, che si presenta nel maniero con le prelibatezze rigorosamente di stagione.

Che non sia un mercato qualsiasi ma un luogo di alleanze e di scambi che porta ad un’economia locale diversa, promuove il cibo buono, pulito e giusto del territorio che crea consapevolezza in chi acquista lo conferma la presenza dei protagonisti, che sono i piccoli produttori e gli artigiani del cibo. Vendono ciò che producono e trasformano e possono garantire e raccontare in prima persona la qualità dei loro prodotti.

Come per ogni mercato che si rinnova mensilmente a Padernello, anche per domenica 17 ci saranno degli ospiti che presentano i loro prodotti di filiera corta e che rispettano l’ambiente e il lavoro dei produttori. A coronare la giornata ci sarà un laboratorio dei sensi sui prodotti alimentari promosso da Slow Food condotto da Nicola Vitale di Cibo per tutti per bambini e famiglie.

Saranno presenti, oltre ad altri produttori:

la forneria Maffezzoni di Cremona, che ha scelto di panificare farine semi-integrali da grani di vecchie verità biologiche e macinati a pietra, valorizzando filiere italiane etiche e di qualità per proporre un prodotto sano, digeribile e naturale.

Il giovane panificatore Davide Maffezzoni ha nel suo pane un valore aggiunto, da quest’anno ha deciso di proseguire la sua attività presso la Cooperativa Agricola Sociale Cascina Marasco, cui la cooperativa Agropolis (che dal 1990 opera nel settore della disabilità) ha affidato la gestione dei terreni e la valorizzazione della propria sede attraverso la realizzazione di una filiera corta, sostenibile e solidale del pane. Una nuova realtà che si unisce alla rete di soggetti impegnati a migliorare la qualità della vita nel nostro territorio, unendo sostenibilità ambientale e solidarietà sociale.

L’altro ospite del mercato è l’azienda Val Persane, una realtà a ciclo chiuso di allevamento di capre a Mompiano, Brescia. Val Persane alleva Capre Camosciate delle Alpi con produzione di formaggi freschi e stagionati, suini di razza Cinta Senese da cui producono carne fresca e salumi. Inoltre con le api delle prealpi bresciane producono ottimi mieli e prodotti dell’alveare e in fine ortaggi di stagione.