Tempo di lettura: 2 minuti

Padernello, Brescia. È stata orfana di cultura la Bassa Bresciana durante la lunga chiusura, forzata dalla pandemia, del castello di Padernello, elevato per luogo e per l’energia dei suoi volontari a simbolo della cultura del territorio.Il fossato e le potenti mura che lo hanno difeso dagli attacchi del tempo e delle incurie, sono ora sotto scacco di un nemico invisibile che sta minacciando il mondo intero. Il maniero è divenuto in questi anni un esempio di gestione, formazione, crescita e divulgazione di cultura di ampio respiro, che travalica in territorio, merito del costante lavoro della Fondazione.

Domenica 21 febbraio si abbassa il ponte levatoio per accogliere un evento divenuto oramai un appuntamento costante: il Mercato della Terra, dalle 9 alle 16 i produttori che condividono la filosofia Slow Food, espongono prodotti genuini proposti da piccoli artigiani del cibo, rispettosi della qualità, dell’ambiente e delle persone.Non un mercato qualunque, ma un luogo di alleanze e di scambi che porta ad un’economia locale diversa, promuove il cibo buono, pulito e giusto del territorio e crea consapevolezza in chi acquista. Il “Mercato della Terra di Padernello” è un progetto Slow Food che si basa sulla costruzione di alleanze sul territorio. L’alleanza riflette un concetto di rete tra enti, istituzioni, produttori e associazioni.

Nella stessa giornata lo “spiedo da asporto”, una prelibatezza cucinata secondo antica tradizione accompagnato dall’immancabile polenta. Lo Spiedo d’asporto con polenta: ritiro dalle 11:30 alle 13:00, costo a porzione € 12.
Prenotazione obbligatoria: [email protected]

Gli eventi si svolgeranno nel rispetto delle norme anti-covid e nelle zone esterne e limitrofe al Castello.

Si ricorda inoltre che è aperta la Campagna tesseramento 2021. Per sostenere la Fondazione con il rinnovo della tessera rappresenta uno degli obiettivi principali dell’anno 2021. infatti nei momenti di difficoltà scatta l’amicizia, la condivisione, la partecipazione.