Tempo di lettura: 3 minuti

Chiari, Brescia. Ha fatto di Chiari una vera e propria capitale del libro e della lettura, dando ai piccoli editori un palcoscenico per farli conoscere al grande pubblico: torna dal 10 al 12 novembre a Villa Mazzotti la Rassegna della Microeditoria.

Protagonista alla Microeditoria sarà la filiera del libro: si andrà alla scoperta di chi trasforma le storie nate nella testa e dalla penna degli autori in libri fatti e finiti: – Abbiamo scelto di focalizzare l’attenzione su “I mestieri del libro” – spiega il direttore artistico Daniela Mena – per riportare al centro tutte quelle figure professionali che permettono la nascita di un libro e che, allo stesso tempo, ne garantiscono la qualità: l’editore, l’autore, il traduttore-.

Si parte la sera di venerdì 10 novembre con la premiazione del concorso Microeditoria di Qualità, promosso in collaborazione con il Sistema Bibliotecario Sud Ovest Bresciano e Rete Bibliotecaria Bresciana, e si proseguirà sabato e domenica con l’apertura dei 100 stand di piccoli e piccolissimi editori provenienti da tutta Italia.

Diverse le novità per questa quindicesima edizione: da un vero e proprio Festival del fumetto a Orzinuovi, con una mostra mercato dedicata alle produzioni indipendenti di fumetto e illustrazione, ai diversi laboratori sul mestiere del libro, da come si realizza un ebook a come si scrive un incipit, da come presentarsi a una casa editrice al mestiere di editing, passando per la dizione e la traduzione, e anche una serie di eventi e uno spazio-libreria dedicato ai più piccoli con la presenza di realtà come Lapis, Uovonero, Gallucci, Coccole books, oltre agli stand di Babalibri, Picarona, Voce in capitolo, Matti da rilegare e Vallardi I.G.

Tanti poi gli ospiti attesi a Villa Mazzotti nei giorni del Festival, a cominciare da Aldo Cazzullo, Alberto Casiraghy, Carolina Montessori, Staino, Riccardo Iacona, Fabio Genovesi, Alessandra Tedesco, Massimo Bray, Mons. Iacobone, Francesco Panetta, Achille Occhetto e Fulvio Scaglione per una rassegna che in tre giorni ha in programma più di 75 appuntamenti.

Da quelli curiosi come il viaggio musicale-matematico nel Paradiso dantesco o la presentazione del libro di Mario Morono “Startup di merda: il primo libro da comprare se vuoi aprire una star up” alle anteprime, come la presentazione del volume “L’insegnamento di Don Lorenzo Milani” a 50 anni dalla scomparsa. Ci sarà spazio per l’omaggio a Jane Austen nel bicentenario della sua morte, a Gino Bartali e Luigi Tenco, ma anche per momenti di impegno: come quello dedicato a 18 donne che fecero “l’impresa” Lombardia oppure la riflessione sull’editoria indipendente e la bibliodiversità nel contesto europeo, con la presenza dell’on. Luigi Morgano e del presidente di Fondazione Cogeme onlus.

Spazio anche alla Grande guerra con due appuntamenti: “La Grande Guerra nell’alto Garda” con la presentazione dei diari storico militari dei battaglioni alpini Vestone e Val Chiese, del 7° Reggimento bersaglieri e del III Battaglione della Regia Guardia di finanza, e “Tra le pieghe di una vita” di Sergio Boem la storia del tenente Ingravalle e i dimenticati uomini del “Valcamonica” in collaborazione con il CAI Chiari e ANA Gruppo di Chiari, con la partecipazione straordinaria del Coro Alpino Palazzolese.

La Rassegna della Microeditoria inserita nelle iniziative della III edizione del Festival della Terra di Fondazione Cogeme, quest’anno è dedicata a Stefano Antonio Morcelli in occasione del bicentenario della Biblioteca Morcelliana di Chiari: uomo di cultura, uno dei protagonisti italiani dell’Illuminismo, che donò i propri libri alla gioventù clarense, certo che fossero un tesoro prezioso.

A completare il cartellone anche l’iniziativa Microeditoria del Fumetto che si svolgerà ad Orzinuovi il 19 novembre. L’iniziativa, promossa dall’associazione culturale l’Impronta in collaborazione con il Comune di Chiari, i patrocini di Regione Lombardia, Provincia di Brescia, Fondazione Cogeme, Consigliera di Parità della Provincia di Brescia e sotto l’auspicio del Centro per la promozione della lettura, è giunta quest’anno alla sua 15esima edizione.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *