Mantova – “Le donne come fattore di cambiamento. Costruire l’uguaglianza per una società più equa”. Non uno slogan, ma un obiettivo. Un impegno che ha visto confrontarsi per sei giorni donne italiane e donne israeliane, con il loro bagaglio di storia, cultura e tradizioni diverse.

Protagoniste anche 12 mantovane, espressione di istituzioni locali, del mondo della cultura, dell’associazionismo e della cooperazione. Per loro si è trattato a tutti gli effetti di una missione a Gerusalemme, dal 10 al 15 aprile scorsi, nell’ambito di un progetto finanziato con fondi comunitari sul programma Euromed e che ha visto Consorzio dell’Oltrepo mantovano e Provincia di Mantova partner della municipalità di Gerusalemme nell’iniziativa.

Self empowerment, modi e possibilità di inserimento delle donne nel mondo del lavoro, pari opportunità, parità di genere in ambito professionale, sono solo alcuni dei temi affrontati nel corso di seminari e workshop.

Previsto a breve un evento pubblico dove le 12 protagoniste della missione illustreranno nel concreto i risultati del progetto. Intanto oggi vi è stata un’anticipazione nel corso di una conferenza stampa tenutasi al Palazzo della Cervetta, alla presenza del presidente del Consorzio Oltrepo Fabrizio Nosari.

“Riconoscere le donne come fattore di cambiamento, significa assegnare loro un ruolo e una responsabilità globale nei percorsi di pace – ha spiegato la vice presidente della Provincia di Mantova Francesca Zaltieri.

Quella appena vissuta è stata un’esperienza di conoscenza, condivisione e di costruzione di relazioni per nuove progettualità comuni fra noi e fra le donne di Israele, dalle ultraortodosse alle laiche, dalle ebree a quelle di fede islamica.

La nostra delegazione, oltre a portare esempi di promozione delle pari opportunità, ha anche promosso più in generale l’Italia, Mantova capitale Italiana della cultura 2016 e il nostro impegno per costruire un mondo nuovo”.

delegazione mantovane gerusalemme700
La delegazione a Gerusalemme

Francesca Tellini, assessore alla cultura del comune di Pegognaga, ad esempio, ha portato l’esperienza dell’Archivio dell’Unione Donne Italiane, Alessandra Tassini, ha fornito un quadro di quanto promosso dall’Amministrazione provinciale virgiliana per la promozione delle Pari Opportunità.

Giovanna Rubessi ha contribuito con la sua esperienza in materia di cooperazione. Il Consorzio, con la Provincia di Mantova, infatti lo scorso anno era già stato invitato a Gerusalemme per uno scambio di esperienze tra Italia e Israele ed è proprio grazie a questo precedente che è stato possibile il nuovo momento di incontro tra culture diverse.

“Pace, crescita, opportunità, le parole più ricorrenti e dopo aver conosciuto la municipalità di Gerusalemme una gran voglia di dare continuità ai rapporti instaurati con loro” aggiunge Valeria Dalcore della cooperativa Pantacon.

Della delegazione fanno parte:
–      Francesca Zaltieri, vice presidente Provincia di Mantova
–      Francesca Tellini, assessore alla cultura e all’istruzione del comune di Pegognaga
–      Elisa Palermo, dello Studio – Casa editrice Corraini
–      Manuela Soldi, Comitato Festivaletteratura
–      Valeria Dalcore, Cooperativa Pantacon
–      Alessandra Tassini, responsabile Ufficio Pari Opportunità Provincia di Mantova
–      Donatella Jager Bedogni , presidente associazione Matilde di Canossa
–      Silvia Gazzotti, psicologa del lavoro
–      Alessandra Taraschi, organizzatrice Libri sotto I portici
–      Marina Visentini, presidente Teatro Magro
–      Cristina Bombarda, Consorzio Oltrepo Mantovano
–      Giovanna Rubessi, presidente cooperativa Santa Lucia di Asola