Tempo di lettura: 2 minuti

È cosa ben nota che nelle borse delle donne sia possibile trovare di tutto, anche le cose più assurde, ma ce n’è una che riesce a contenere moda, amore e solidarietà, tutti insieme. È la pochette del contest promosso da Sowed, la Onlus nata con l’obiettivo di offrire un servizio a tutte quelle persone che sognano di avere un abito bellissimo per il loro grande giorno, ma che desiderano anche pensare al prossimo.

L’iniziativa è stata ideata da Veronica Bello, Fondatrice e Presidente della Onlus, è rivolta a tutti i fashion designer, senza alcun limite di età. Sowed sta cercando un creativo che progetti una pochette in tessuto di lino e cotone, pensata per la sposa, ma destinata a tutte.

Una beauty pouch dal design semplice e di facile realizzazione, che sia elegante ma al tempo stesso essential, dalla spiccata praticità, ideale per la daily routine. Capiente, ma non ingombrante, da mettere in valigia per il viaggio di nozze o per una vacanza con le amiche.

L’accessorio deve essere pensato per essere ecosostenibile, leggero, realizzato in lino e cotone e con un sistema di chiusura non troppo elaborato. Saranno graditi bozzetti che coinvolgeranno il tema “rispetto delle donne”.

L’iniziativa ha ottenuto la partnership di Road to green 2020, Associazione che si occupa di promozione della cultura della sostenibilità ambientale, che esprimerà il proprio parere circa l’eticità e la sostenibilità dei progetti inviati.

Il vincitore del contest vedrà il suo design protagonista di un video divulgato attraverso i canali social e offline di Sowed e riceverà una fornitura di tessuti offerti dalle Manifatture Tessili Prete, azienda leader nella produzione di lino, canapa, cotone e misti per svariati marchi di abbigliamento e biancheria per la casa.

L’azienda fornirà a Sowed anche i tessili, filati 100% naturali, per produrre le pochette, che saranno realizzate dalla Sartoria San Vittore, progetto della cooperativa sociale no profit Alice, all’interno dei laboratori presso gli Istituti Penitenziari di San Vittore e Bollate, dove lavorano donne detenute, che attraverso il proprio lavoro cercano di reinserirsi nella società, perseguendo valori come l’etica e la legalità.

La scadenza del bando è stata prorogata al 23 settembre.

CONDIVIDI
La Redazione
Siamo a Leno (Brescia) presso il Centro Polifunzionale di Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo. Se volete, venite a trovarci. Vi offriremo un caffè e faremo due chiacchiere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *