Tra due mesi inizierà la XXI edizione dei Mondiali Antirazzisti, manifestazione internazionale di sport e inclusione organizzata dall’Uisp, che si terrà a Castelfranco Emilia (Modena) dal 5 al 9 luglio. Sono attese quest’anno 200 squadre provenienti dall’Europa e dal resto del mondo. La manifestazione si batte contro violenza, razzismo e sessismo: ci sarà tanto sport, dibattiti e musica, promettono i promotori.

Un festival che al centro avrà partite di calcio no stop, dall’alba al tramonto, tra squadre di 7 giocatori ciascuna, autoarbitrate, nei 15 campi tracciati all’interno del parco di Bosco Albergati.

Il manifesto 2017 è stato realizzato da Matteo BeFolko, un giovane disegnatore salentino. Negli anni precedenti i manifesti erano stati disegnati da Zerocalcare, Mario Breda e altri noti artisti.

Le iscrizioni si chiuderanno a fine giugno, ma sono già circa 60 le squadre iscritte, la maggior parte delle quali, sinora, provengono da Austria, Gran Bretagna e Germania e Italia.

Tutte le squadre si raduneranno a Castefranco Emilia il 5 luglio mentre giovedi 6 luglio alle 15 è fissata la presentazione sui campi di tutte le squadre e alle 15.30 ci sarà il fischio d’inizio. Le finali (che si disputeranno ai calci di rigore) sono previste sabato 9 luglio alle 20. Non solo calcio: nel programma dei Mondiali Antirazzisti sono previsti anche tornei di pallavolo, basket, rugby e dimostrazioni di tchoukball.

In via di definizione il programma dei dibattiti e delle mostre; le tematiche centrali scelte quest’anno saranno quelle della lotta al sessismo, all’omofobia e alla transfobia, insieme a quelle delle politiche di accoglienza, dei rifugiati e del razzismo.