Brescia – E’ passato un anno dalla scomparsa di Giovanna Sorbi. Un grave lutto per la musica e per la tutta la cultura bresciana. Una grave malattia il 13 febbraio 2018 se l’è portata via in poco tempo. Le mancavano pochi giorni a compiere 59 anni.

Di lei, per chi ha avuto l’onore di vederla sul podio, ammirarne la tenacia e la passione, di lei resta la memoria di una musicista nota e apprezzata. Di una pianista, una compositrice, una docente e, soprattutto, una direttrice d’orchestra. Con la sua Brixia Symphony Orchestra che le permise di portare Mozart, Beethoven e tanti altri in molti paesi della provincia bresciana e non solo.

In occasione del primo anniversario dalla sua scomparsa, Serafino Tedesi amico e collega della direttrice d’orchestra bresciana, ha fortemente voluto l’organizzazione di un evento per celebrarne il ricordo in musica.

Il Requiem di Mozart sarà eseguito dalla Infonote Orchestra, diretta dal maestro Tedesi, che accompagnerà la Corale Santa Cecilia di Maderno, diretta da Gianpietro Bertella e i solisti del Coro della Scala di Milano: Silvia Mapelli (soprano), Romina Tomasoni (mezzosoprano), Massimiliano Di Fino (tenore) e Davide Baronchelli (basso).

All’organizzazione del concerto, in programma domenica 10 febbraio alle 21 nella chiesa dei Ss. Pietro e Paolo di Toscolano, hanno partecipato la Comunità del Garda e i comuni di Gardone Riviera, Gargnano, Puegnago del Garda, Salò, San Felice del Benaco, Tignale e Toscolano Maderno.

La serata sarà anche l’occasione per un’iniziativa di solidarietà con una raccolta fondi in favore di AMEI ITALIA, sezione di Brescia (Associazione malattie epatiche infantili) con sede nel reparto di Chirurgia pediatrica degli Spedali Civili di Brescia.