Tempo di lettura: 2 minuti

Musei speciali e per tutti. Un modo nuovo per favorire l’accesso, non solo fisico, attraverso l’abbattimento e il superamento delle barriere architettoniche, al patrimonio museale dell’Emilia-Romagna che conta oltre 500 musei, raccolte e istituti culturali.

È l’obiettivo delle Linee guida per il godimento del patrimonio museale dell’Emilia-Romagna per le persone con disabilità approvate dalla Giunta regionale ed elaborate dall’Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione con la collaborazione delle direzioni Cultura, formazione e lavoro e Sanità e politiche sociali, con le associazioni delle persone disabili e i principali soggetti del mondo dei musei, tra cui il ministero dei Beni culturali e il Comitato nazionale italiano dell’International council of museums.

Il documento contiene vincoli e proposte per rendere la visita ai musei un’esperienza ricca e completa non solo per le persone disabili, ma arricchendo le sedi museali e favorendo le comunità che le ospitano. In Italia poco più della metà dei musei (51,17 per cento) è accessibile alle persone disabili (dati 2015).

Musei da vedere, ascoltare, annusare, gustare, toccare e comprendere attraverso percorsi speciali da realizzare o adeguare a partire dal confronto tra chi promuove l’offerta culturale e chi vuole fruirne.

Obiettivo delle Linee guida è rendere le persone con disabilità e le loro associazioni protagonisti del percorso del sistema museale, per tutti.

Il documento approvato dalla Giunta conferma la sperimentazione in atto delle Linee guida dell’Istituto per i beni artistici culturali e naturali insieme all’Ufficio scolastico regionale attivo in 9 ambiti della regione: una collaborazione tra musei e scuole che promuove l’inclusione delle persone disabili e garantisce a tutti un accesso arricchito al godimento del patrimonio museale della regione.

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *