Crema (Cremona) – Il Museo Civico di Crema e del Cremasco inaugura la riapertura della sezione Cartografica e della Pinacoteca, il nucleo fondante del museo con le sue due sezioni, antica e moderna, che permette un excursus tra i maggiori artefici del panorama cremasco e lombardo dal XV al XX secolo. In questa occasione, lunedì 5 giugno alle ore 20.45, è prevista l’inaugurazione della Galleria “Rotary Club Crema” e della Sezione Cartografica “ Donazione Giulio Canger”.

I lavori svolti fanno riferimento al progetto avviato dal Museo Civico nel 2016, che ha trovato la collaborazione di docenti universitari (Stefania Buganza – Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Francesco Frangi – Università degli Studi di Pavia) e della Società Storica Cremasca (Matteo Facchi). Il gruppo di lavoro ha elaborato un progetto scientifico con l’obiettivo di individuare le opere da valorizzare all’interno delle collezioni museali afferenti alla pinacoteca, ripensando così un percorso espositivo.

Il progetto ha trovato il sostegno del Rotary Club Crema che, oltre a favorirne la realizzazione, ha messo in campo risorse tali da poter permettere anche il riallestimento della Sezione Cartografica sostenendo inoltre la valorizzazione della Collezione Giulio Canger (raccolta di carte e mappe donate da Raffele Canger in memoria del padre Giulio, mai esposte prima d’ora).

L’intervento di revisione degli allestimenti, sostenuto dal Rotary Club Crema con una compartecipazione del Comune di Crema, restituisce alla Città un Museo di rinnovato valore e rigore; a ciò si aggiunge inoltre la riqualificazione complessiva dell’illuminazione del percorso museale – ormai obsoleta – con un intervento all’insegna della tecnologia e della semplicità. Rinnovato nell’aspetto e nell’impostazione, il Museo Civico offrirà ai suoi visitatori un percorso espositivo corredato da un nuovo apparato informativo per tutte le opere esposte.

L’attività del Club ha inoltre permesso di mettere in campo ulteriori risorse a favore del progetto, trovando la collaborazione con Co.Fin.Tec, Associazione Popolare Crema per il Territorio e Distretto 2050 – Fondazione Rotary.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome