Tempo di lettura: 1 minuto

Parma – Gabriel Faurè, Claude Debussy, Jacques Ibert, Erik Satie, Igor Stravinskij sono autori classici che hanno saputo dialogare con culture e tradizioni popolari europee ed extraeuropee. Si concentra sul rapporto tra “Musica colta e Musica popolare nella Francia del primo ‘900”, il quarto appuntamento de “Il Suono svelato”, ciclo di guide all’ascolto a cura di docenti e allievi del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma.

Martedì 12 novembre alle 18.00, nell’Auditorium del Carmine, Enrico Contini (violoncello) e Lucia Consigli (voce) proporranno un viaggio esplorativo multiculturale attraverso l’esecuzione e l’analisi di brani di alcuni dei compositori più significativi del primo Novecento francese: dalle correnti culturali dell’Impressionismo, Dadaismo, Surrealismo si arriverà all’Esistenzialismo che, a sua volta, nel caleidoscopico clima culturale francese, ha esercitato stimoli fecondi sulla canzone d’autore.

Verranno proposte quindi anche pagine interpretate da Edith Piaf e Juliette Greco. Con Enrico Contini e Lucia Consigli interverranno, per l’esecuzione di alcuni brani esemplificativi, Giorgio Dellarole (fisarmonica) e Francesco Melani (pianoforte).

La rassegna “Il Suono svelato” è inserita nell’Attività di formazione permanente del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma, coordinata dal prof. Pierluigi Puglisi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *