Tempo di lettura: 2 minuti

Svi, Scaip e Medicus Mundi Italia, storiche organizzazioni non governative bresciane, lanciano, in modo consortile, un nuovo progetto in Mozambico dal titolo “Transformações para alimentar o planeta. Le filiere di cajù, mango, agrumi e ortaggi nella Provincia di Inhambane*“. E lo fanno con un concerto degli StileLibero, gruppo nato nel 1994 con l’intento di coltivare e diffondere la musica dei principali cantautori italiani: De Andrè, Conte, Dalla, Fossati e Branduardi.

rendering_fabbrica_manghi_scaip_svi_mmi
Rendering della fabbrica per l’essicazione del mango

Il progetto, cofinanziato da Regione Lombardia, Fondazione Cariplo e Comune di Milano, prevede da una parte la formazione dei contadini e dall’altra lo sviluppo di filiere alimentari con attività quali la costruzione di un impianto di essicazione del mango e un’attività di produzione di succhi di frutta. L’obiettivo generale è di lottare contro il problema della malnutrizione e il miglioramento della situazione socio-economica delle famiglie, attraverso l’incremento del livello di sicurezza alimentare.

Nel distretto di Morrumbene, nella provincia di Inhambane, il 44% nei bambini sotto i 5 anni ha problemi di malnutrizione a causa della scarsità di risorse economiche e della mancanza di conoscenza, da parte della popolazione, su come alimentarsi correttamente.

Il 97% della popolazione dipende da un’agricoltura di sussistenza: la produzione locale è spinta da dinamiche casuali che rendono il sistema del trasporto, della conservazione e della trasformazione molto fragile, tutti elementi di una catena debole le cui “perdite alimentari” si verificano quasi per il 70% durante il raccolto, nel dopo-raccolto e nella fase di lavorazione.

Grazie al progetto, attraverso la formazione, il credito, i frutteti scolastici e l’educazione alimentare, saranno coinvolti in un percorso di crescita oltre 22.000 mozambichesi.

Il progetto si innesta perfettamente nel tema dell’Expo 2015, la cui aspirazione, riassunta nello slogan “Nutrire il pianeta. Energia per la vita”, è di definire le linee guida per avere in futuro “cibo sano, sicuro, sostenibile e sufficiente per tutti”.

Ecco quindi che le intenzioni e i risultati del progetto in Mozambico, che avrà durata biennale, verranno comunicati al nostro territorio, in particolare ai giovani, mediante incontri con gli studenti e con i bambini, ma anche concerti, come quello di sabato 18 aprile alle ore 21 degli StileLibero. Il concerto si terrà presso il Teatro Pavoni in via Sant’Eustachio 8 a Brescia e l’ingresso è gratuito.

 

*Il progetto si avvale del sostegno tecnico di aziende quali La linea verde/Dimmidisì e la Centrale del Latte di Brescia, le istituzioni scolastiche ITAS G. Pastori, l’UNISAF e l’Università di Parma, il supporto di Cassa Padana BCC, la compartecipazione dell’ATS “Brescia per Expo 2015”, la cooperativa Cauto, Seridò/La Nuvola nel Sacco e l’assistenza del Commissario Generale per l’Expo 2015 in Mozambico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *