E’ un regalo originale, non costa nulla, rispetta l’ambiente e può perfino aiutare a vivere meglio il Natale: si chiama “Certificato di esenzione dall’obbligo di comprare i regali di Natale” e lo ha inventato “Contiamoci!”, la comunità on-line che “inventa, collauda, scambia e diffonde le buone abitudini pratiche che riducono i danni all’ambiente”, ideata da Greta Golia e Silvano Stralla.

La presentazione ufficiale della “buona pratica” è avvenuta a “Fa’ la cosa giusta” di Torino e Trento: in quell’occasione è stato anche girato il video della campagna.

Questa buona pratica è l’occasione per donare qualcosa di buono ai nostri cari, a noi stessi e al Pianeta – spiega Greta Golia- liberandosi da spreco, consumismo e coazioni dettate dal marketing.

Ci siamo ispirati al “Buy nothing Christmas” e al “Buy nothing Day”, di cui c’è anche la buona pratica su Contiamoci, iniziativa che in Italia è quasi sconosciuta e che ha mostrato una buona efficacia per sensibilizzare gioiosamente e proporre esempi positivi alternativi” .

La campagna consiste nella distribuzione del “certificato di esonero” tramite i vari canali, insieme a un vademecum che contiene indicazioni utili per una scelta etica e consapevole del regalo natalizio, per chi non volesse rinunciare del tutto a questa tradizione.

“Finalmente fare regali non è più un dovere – spiega ancora Greta – Bisogna tornare a considerarlo un gesto di tenerezza, un atto di bontà da guerriglia. Quando a settembre abbiamo iniziato a pensare al certificato di esonero, ancora non immaginavamo che l’iniziativa sarebbe diventata una campagna informativa.

Ad ottobre l’abbiamo testata nella cornice di Fa’ La Cosa Giusta Torino e Fa’ La Cosa Giusta Trento: è stato un successo.

Ed è stato sorprendente scoprire che in tanti non aspettavano altro! Adesso, allora, con il Natale ormai dietro l’angolo, invitiamo tutti a scaricare il certificato e a condividere il video, per diffondere questa buona pratica che ci sta particolarmente a cuore!”. 

Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.