Non fa in tempo a terminare l’ultima edizione del Grande Fratello che ci troviamo già sbarcati sull’Isola dei Famosi. Precisi come le scadenze del canone Rai, i reality incalzano sullo schermo e si aggiudicano, inevitabilmente, share da capogiro e polemiche a non finire.

Ed è inutile riproporsi, ogni stagione, di evitare le infinite discussioni tra i professori del talent show di Maria de Filippi, le liti furibonde dei concorrenti delle casa più spiata d’Italia o le tirate di capelli tra i “morti di fame”, e di fama, dell’isola tropicale. Il reality è entrato, ormai, di diritto nei palinsesti di ogni rete e cercare di dribblare il “canale infetto” non serve a niente.

Ci si trova ritrova, volenti o nolenti, braccati dalle discussioni nei dibattiti televisivi del primo pomeriggio, in seconda serata e, addirittura, al telegiornale. “E’ come il gatto spiaccicato sulla strada,” – ha affermato a proposito del “fenomeno reality” la giornalista radiofonica Anna Pettinelli in un noto programma Rai –“fa ribrezzo, ma quando ci passi vicino con l’auto non puoi fare a meno di guardarlo”.

Gusto per l’orrido o tendenza all’autolesionismo, sta di fatto che ormai le storie di Mauro e Veronica (GF), i successi di Valerio e Alessandra (Amici 2009)ed i costumini succinti di Loredana Lecciso sono noti a tutti. Praticamente ad ogni ora nelle nostre case -volendo 24 ore su 24- i personaggi dei reality diventano volti famigliari e cresce la curiosità di scoprire chi verrà nominato o chi vincerà la prova del fuoco.

Così ci si trova incollati alla TV per vedere come sta quel famoso struccato,quanto è dimagrita quella velina a forza di noci di cocco, come sarà il prossimo passo a due “spinto” di Garofalo, il nuovo coreografo di Amici, e se Elena, la bellissima concorrente della squadra dei blu, si rifiuterà nuovamente di ballarlo. Scene di vita quotidiana, atteggiamenti e competizioni che hanno acceso numerosi dibattiti e controversie. Medici ed associazioni hanno discusso a lungo sull’eccessiva magrezza e sullo stato debilitato di alcuni concorrenti dell’Isola dei famosi, immagini che potrebbero incoraggiare l’anoressia.

Contro le bestemmie pronunciate da alcuni concorrenti del Grande Fratello si è schierato in prima linea il Codacons, che ha accusato il programma di veicolare messaggi blasfemi. Che dire, poi, dei prodigi svelati al grande pubblico dalla de Filippi, come Marco Carta e Valerio Scanu, vincitori delle ultime due edizioni del Festival di San Remo.

Il reality – trampolino di lancio per volti nuovi e asso nella manica per molte meteore del piccolo schermo- è diventato un vero e proprio fenomeno sociale, ancora più se a decidere chi ce la farà è proprio chi osserva da casa, invitato a votare con gli SMS. Al pubblico, dunque, l’ardua sentenza.

Laura Simoncelli
Dopo il diploma di liceo scientifico, si laurea all’Univeristà Cattolica di Brescia nel 2004 in Lettere e Filosofia. Collabora con Fondazione Civiltà Bresciana e Bresciaoggi con stesura di articoli sportivi, cronaca e tempo libero. Dal 2004 al 2017 fa parte della redazione di popolis. E’ docente di italiano e storia presso le scuole medie e superiori