Mi scrive Nico, femmina, 26 anni, mano sinistra

disegni_nico

Richiede una notazione a parte l’analisi dei disegni inconsci della brillante Nico. Questo disegno inconscio rappresenta una rete, in cui Segni tondeggianti e Segni retti si intersecano, senza disturbare l’equilibrio della produzione finale.

Nico mi scrive che questo disegno inconscio è stato effettuato durante una telefonata noiosa. Sicuramente. La rete è un simbolo di ingabbiamento dal quale non si può uscire, o per educazione, o per vantaggio. Ma vorrei far notare che, su di un preesistente reticolato viene effettuata un’altra figura…del tutto simile ad uno specchio, con tanto di impugnatura e di lastra, anch’essa ricoperta da reticolo.

Il significato è piuttosto complesso, e non si può che effettuare un’ipotesi, dato che non so CON CHI stesse parlando Nico, se non che la telefonata “noiosa” riguardava l’ambito lavorativo.

Lo specchio indica la debolezza e le doti di ciascuno di noi.
Forse (forse) durante questa telefonata si chiedeva alla Lettrice di svolgere compiti che a Lei non sembravano consoni, giusti per la situazione.
Compiti noiosi, ripetitivi, poco creativi. E Nico  è creativa.
Quale ingabbiamento più triste?

I disegni inconsci risultano, inoltre, determinanti per lo stato d’animo complessivo…non è che, in generale, a Nico il lavoro che fa pare poco gratificante? Non è che avrebbe bisogno di fughe più frequenti, di spazi più ampi, meno angusti? Un piccolo suggerimento: se si sente costantemente in trappola, almeno cambi i colori del suo ufficio.
Giallo, arancio e verde smeraldo sono ottimi, per dare fiducia e gioia, anche all’attività…più grigia.

Anna Grasso Rossetti
Dopo l'insegnamento mi sono dedicata alla libera professione di: psicologa, perito grafico, esperto del segno presso i Tribunali, docente di psicologia della scrittura, di comunicazione fattiva e tecniche di rilassamento, consulente in Sessuologia, psicologa dello Sport. Sono iscritta al Collegio Lombardo Periti Esperti e Consulenti.