Verona – Mercoledì 25 novembre, alle ore 21, Casa Shakespeare ospita la contemporanea internazionale contro la violenza sulle donne: “La triologia dell’AmorTe”.

Trilogia dell'AmorTe Lo spettacolo, scritto da Francesco Olivieri per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne, è una produzione MAMAdanzateatro con Maria Giuliana Gardoni e la regia di Massimo Totola.

La Trilogia dell’AmorTe è un progetto contro la violenza sulle donne a cui Francesco Olivieri tiene in modo particolare. Ha scritto tre testi teatrali contro la violenza sulle donne, perché vuole affrontare questa tematica a tutto tondo, evitando per quanto possibile la retorica. Ha scelto di realizzare questi reading sparsi su tutto il territorio nazionale, soprattutto nelle carceri e nei centri antiviolenza, perché crede che sia lì che ci sia maggior bisogno.

Usando il sarcasmo, l’ironia, ne escono comunque tre quadri tragici, in cui nessuno è vincente e nessuno è realmente colpevole o innocente. Siamo umani, siamo fatti di relazioni umane. Quello che serve è dialogare, confrontarsi, interagire, senza la presunzione del “Io ho capito tutto dalla vita, io non sono un violento e assassino”, ma appunto, cercare di comprendere che questo fenomeno che si manifesta ogni giorno a pochi metri da noi, fa parte di noi.

Lo spettacolo inizia alle ore 21 nello Spazio Off CANTINA SHAKESPEARE, alle 20.15 per chi lo desidera è disponibile la degustazione, al costo di 7 €, di specialità del Panificio De Rossi abbinate ai vini delle Cantine veronesi.

Il costo dell’ingresso è di € 5 e comprende il contributo per lo spettacolo e € 2 per la tessera associativa di Casa Shakespeare.

______________________________
L’Associazione Culturale MAMAdanzateatro nasce nel 1999, con lo scopo di divulgare, attraverso Corsi, Stage, Rappresentazioni… un atteggiamento rispetto al fare arte di critica e di ricerca, in rapporto principalmente con il proprio sentire, lontano da schemi precostituiti e più vicino al gesto puro, semplice. Partendo dal nostro vissuto, le emozioni, sottoforma di gesto, parola e immagine, vengono filtrati attraverso la tecnica ed espressi così nell’atto creativo. Non che cosa fare, ma come e perché nasce l’esigenza, il bisogno di esprimersi per raccontare a noi stessi e agli altri ciò che siamo, che vogliamo.

Dal 2012 l’adesione all’ARCI vuol essere un modo per allargare gli orizzonti e le mete del nostro continuo viaggiare, permettendoci un riconoscimento a livello nazionale più ampio, di avere utili strumenti burocratici tecnici e legali, di crescere insieme a nuove realtà dal punto di vista umano, sociale, culturale e artistico. Per questo l’associazione NUOVO MAMAdanzateatro si riconosce nell’identità e nello statuto dell’ARCI, soprattutto nella volontà di costruire, attraverso appunto una partecipazione allargata e democratica, un luogo fisico, ma soprattutto mentale libero, indipendente, di condivisione, crescita e solidarietà.