Tempo di lettura: 4 minuti

L’associazione Senza Veli Sulla Lingua che dal 2013 si batte per contrastare la violenza di genere, ha lanciato Calendar 2020, il calendario benefico da collezione a sostegno della nuova campagna di raccolta fondi, firmato dal fotografo di fama internazionale Andrea Varani e realizzato grazie al contributo di Esc Group e di Ottima Mediazione Creditizia che hanno creduto nel progetto.

Obiettivo: sensibilizzare l’opinione pubblica e il mondo delle imprese, dello spettacolo, della moda e dello sport ad aiutare concretamente, attraverso il sostegno alle attività dell’associazione, le donne vittime di violenza a sottrarsi alla dipendenza psicologica ed economica dei loro aguzzini e a (re)inserirsi, se ne hanno necessità, nel mondo del lavoro, riacquistando così la propria autonomia, dignità e libertà.

I ricavi della vendita di Calendar2020 saranno destinati alla tutela delle troppe donne maltrattate che si rivolgono quotidianamente all'associazione
I ricavi della vendita di Calendar2020 saranno destinati alla tutela delle troppe donne maltrattate che si rivolgono quotidianamente all’associazione

Da qui è nata l’idea di Calendar 2020, un vero e proprio pezzo da collezione, realizzato con 13 suggestivi ritratti di modelle provenienti da tutto il mondo immortalate dall’obiettivo di Andrea Varani che ha deciso di donare le immagini a Senza Veli Sulla Lingua. Il calendario è un inno alla bellezza delle donne: attraverso lo sguardo delicato e raffinato di Varani, infatti, emerge tutta la magia e la poesia del complesso universo femminile.

Ma Calendar 2020 è anche un monito contro chi compie il sacrilegio di oltraggiare il corpo e l’anima delle donne: «Sono sempre alla ricerca della foto perfetta, con l’ossessione di catturare la luce giusta, non soltanto quella dell’ambiente in cui scatto, bensì, ancora più appagante, quella negli occhi delle persone protagoniste delle mie foto, quasi sempre donne. Pensare che qualcuno o qualcosa possa violare, annientare, fino a spegnere quella luce, mi risulta inconcepibile perché è quella luce che dà la vita», ha dichiarato Varani, spiegando il motivo che lo ha spinto ad appoggiare la nuova campagna solidale di Senza Veli Sulla Lingua.

I ricavi della vendita di Calendar2020 saranno destinati alla tutela delle troppe donne maltrattate che si rivolgono quotidianamente all’associazione, con l’obiettivo di aprire un’impresa sociale che possa dare loro lavoro.

Per avere Calendar 2020 firmato Andrea Varani per SVSL basta inviare una mail di richiesta a info@senzavelisullalingua.com.
Per avere Calendar 2020 basta inviare una mail di richiesta a info@senzavelisullalingua.com.

«Perché», spiega Ebla Ahmed, presidente dell’associazione Senza Veli Sulla Lingua, «non basta combattere la violenza: bisogna creare, attraverso il lavoro e la formazione, le condizioni affinché le donne vittime di maltrattamenti possano autodeterminarsi, avere indipendenza economica e decidere autonomamente della propria vita».

«Con questa iniziativa», prosegue Ebla Ahmed, «vogliamo dare finalmente una risposta concreta all’esigenza di tutte quelle donne che, uscite dal tunnel della violenza, hanno difficoltà – pur sentendone la necessità – a (re)inserirsi nel mondo del lavoro e cominciare, così, una nuova vita. I ricavi di questo calendario, assieme ad altri fondi che saranno raccolti con altre iniziative, serviranno ad aprire un’impresa sociale che darà loro lavoro. Spesso infatti succede che le vittime si pentono di aver denunciato il loro maltrattante, da cui dipendono economicamente, perché non riescono a trovare i mezzi di sostentamento».

Come sostenere l’associazione Senza Veli Sulla Lingua. Chiunque voglia sostenere SVSL può farlo attraverso il 5×1000 codice fiscale 97669310159, o con una donazione al seguente numero di Iban: IT 97 W 0503433880000000001235 SWIFT: BAPPI22 presso Banco BPM S.P.A.

Come richiedere Calendar 2020. Per avere Calendar 2020 firmato Andrea Varani per SVSL basta inviare una mail di richiesta a info@senzavelisullalingua.com.

Il fotografo Andrea Varani
Il fotografo Andrea Varani

Senza Veli Sulla Lingua è un’associazione nazionale di promozione sociale ed è stata fondata a Milano nel 2013 dall’avvocato anglo-italo-yemenita Ebla Ahmed che ne è la presidente; la vicepresidente è la giornalista e scrittrice Patrizia Scotto di Santolo e l’imprenditrice Elisa Buonanno è la consigliera nazionale. SVSL svolge la sua attività in tutta Italia e ha sedi a Milano, Varedo in Brianza, Prato e Roma.

Dal 2013 ha aiutato tantissime donne ad uscire dalla violenza attraverso l’assistenza legale e psicologica gratuita. Nel 2017 l’associazione, con l’avvocato Alessia Sorgato, si è costituita parte civile nel processo di Liliana Mimou, ottenendo il massimo della pena per l’assassino e un risarcimento alla mamma e alla sorella.

Nel 2017 l’attore e regista Francesco Testi, testimonial di SVSL, ispirandosi alla storia vera di una assistita dall’associazione, ha realizzato il cortometraggio, patrocinato da Amnesty International, “Oltre la finestra”, che racconta la storia di una donna maltrattata.

Nel 2018 l’associazione ha presentato in Senato due proposte di legge: “Il no al ricorso del rito abbreviato per chi commette delitti gravi tra i quali il femminicidio/omicidio”, approvato ad aprile di quest’anno; e il ricorso al Tabulato Unico delle Denunce per agevolare chi denuncia: ovvero la creazione di un Tabulato Unico delle denunce in cui vengano inseriti tutti gli iscritti nel registro degli indagati delle singole procure.

Inoltre Senza Veli Sulla Lingua ha promosso corsi di educazione sentimentale e sui diritti delle donne nel ‘900, nelle scuole superiori di Prato coinvolgendo più di 700 studenti; corsi di formazione a Roma con la criminologa Roberta Bruzzone che sostiene la mission di SVSL.

Quest’anno Senza Veli Sulla Lingua è tra gli enti che hanno patrocinato il docufilm sul bullismo «Cuori senz’anima», scritto dall’avvocato Adalgisa Ranucci, impegnata in attività legali per la tutela della violenza sui minori e sulle donne.

Dall’inizio della sua attività l’associazione ha assistito gratuitamente quasi 1.000 donne italiane e straniere, aiutandole a uscire dal tunnel della violenza.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *