Tempo di lettura: 1 minuto

Monza. Dal 19 novembre al 24 dicembre, la Galleria Marco Monti ospita la nuova mostra di pittura dell’artista astigiano “Non c’era una volta”: Paolo Fresu, virtuoso classe 1950, noto anche per la sua attività di scenografo teatrale e cinematografico, presenta così la sua favola dipinta. Vernissage della mostra sabato 19 novembre ore 18.00.

Non c’era una volta”: inizia così la favola senza tempo né spazio che uno dei più raffinati interpreti della pittura contemporanea propone al pubblico.

Una galleria di fantastici personaggi colti nella loro più imponente teatralità: re e regine, ma anche avvocati e architetti si materializzano arrivano dalle più diverse epoche per popolare lo spazio narrativo di Fresu. Un denominatore comune li lega: l’ironia.

E nel gran palcoscenico che poi è la vita ogni personaggio proposto da Fresu racconta la sua favola presentandosi con volto e maschera e sfidando così lo spettatore nel capire dove sia la verità.

L’elegante linguaggio cromatico di Fresu viene arricchito dalla sua creatività materica: carte, tessuti, merletti, impreziosiscono le opere rendendole assolutamente singolari. Non manca un omaggio a Monza, città che ospita la mostra e che appare in alcuni dipinti realizzati proprio per la Galleria Monti.

Fondata nel 1932 da Arturo Monti, la Galleria è stata condotta prima dal figlio Sergio, e quindi dal nipote Marco. Oggi la “Galleria Marco Monti”, è il cuore pulsante dell’attività. Nata dal recupero di due cantine voltate a botte in mattoni rossi, ospita rassegne personali, collettive o tematiche di artisti dell’800, 900 e contemporanei.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *