Tempo di lettura: 3 minuti

Cremona – Nell’inusuale cornice della palestra Spettacolo la Ju.Vi. Ferraroni Cremona suona la 9ª sinfonia stagionale e supera nettamente nel derby lombardo la Withu Bergamo nel recupero della 13ª giornata rinviata lo scorso 19 dicembre a causa dell’emergenza Covid-19 con il punteggio finale di 89 a 47, mantenendo la 2ª posizione in classifica e nel contempo centrando con un turno di anticipo la qualificazione alla final eight di Coppa Italia di categoria che si terrà ai primi di marzo in sede ancora da stabilire.

Per questa gara coach Crotti deve rinunciare a Gobbato e schiera lo starting five composto da Milovanovikj, Bona, Nasello, Fumagalli e Preti; mentre dall’altra parte coach Cagnardi reduce dalla sofferta vittoria interna contro Jesolo risponde con Dell’Agnello, Savoldelli, Negri, Ihedioha e Sodero.

La gara si mette subito in discesa per i gigliati che grazie ad una buona circolazione di palla ed una buona difesa vola sul 12 a 2 al 6’ con un canestro di Giulietti, costringendo coach Cagnardi al time out. Alla ripresa del gioco l’ex Casalmaggiore Ihedioha riavvicina gli orobici a -6, ma nel finale altro allungo cremonese e grazie a Preti, Milovanovikj e Bona ed il 1° quarto si chiude sul 20 ad 8 con il canestro ospite di Negri. Nella 2ª frazione per 2’ e mezzo non si segna da ambo le parti, ma l’inerzia è sempre nelle mani dei padroni di casa che trascinati dall’Mvp Milovanovikj e da Giulietti allargano ancor più il divario ed all’intervallo lo sbilancio è di ben 27 lunghezze sul punteggio di 40 a 13, con gli orobici decisamente in giornata negativa specialmente dall’arco; il resto lo fa anche l’ottima difesa cremonese.

Al rientro dagli spogliatoi continua il forcing della Ferraroni ed il solito Milovanovikj appoggiato anche dai positivi Giulietti e Sipala allunga ancora e nei secondi finali arrivano sino a +36, mentre il 3° tempo si chiude con il tiro libero di Simoncelli che chiude sul 64 a 28. Gli ultimi 10 minuti sono di puro garbage time ed alla festa juvina si aggiungono anche Sipala (alla fine miglior marcatore dei suoi con 16 punti) e Fumagalli con quest’ultimo che spinge i suoi al massimo vantaggio sull’84 a 38. Nei secondi finali c’è gioia anche per il capitano ed ex di turno Vacchelli che sigla la tripla e sul capovolgimento di fronte Cagliani fissa l’89 a 47 finale. Al termine da segnalare ben 6 juvini in doppia cifra (record stagionale) e l’esordio del giovane Zoccoli subentrato all’Mvp Milovanovikj.

JU.VI. FERRARONI CREMONA-WITHU BERGAMO 89-47
PARZIALI: 20-8, 40-13, 64-30
JU.VI. FERRARONI CREMONA: Milovanovikj 15, Bona 11, Nasello 4, Fumagalli 15, Preti 12, De Martin, Sipala 16, Giulietti 13, Vacchelli 3, Zoccoli. All.: Crotti.
Nessuno uscito per 5 falli.
WITHU BERGAMO: Dell’Agnello, Savoldelli 12, Negri 10, Ihedioha 10, Sodero 7, Dembele, Piccinni n.e., Manenti, Rota, Cagliani 4, Simoncelli 4. All.: Cagnardi.
Nessuno uscito per 5 falli.
ARBITRI: Cassiano di Roma e Grappasonno di Lanciano (CH).

Nella stessa serata si è disputato l’altro recupero che ha visto di fronte il Club Jesolo e Bernareggio 99, con il primo che si è imposto per 72 a 61 contro il fanalino di coda grazie ai 24 punti di Rossi per i veneziani ed i 22 punti di Gatti per i brianzoli, ed il posticipo della 14ª giornata tra Fiorenzuola d’Arda 1972 e Mestre 1958 che ha visto la vittoria di questi ultimi per 70 ad 81 trascinati dai 23 punti di Bortolin, mentre per i piacentini Livelli ne ha messi a referto 19.

In virtù di quanto accaduto la classifica aggiornata dopo 14 giornate è la seguente:

Gesteco Cividale del Friuli 26, Ju.Vi. Ferraroni Cremona 24, Gemini Mestre 22, Tenuta Belcorvo San Vendemiano 20, Withu Bergamo 16, Rimadesio 16, Alberti & Santi Fiorenzuola d’Arda 16, Allianz Civitus Vicenza 16, Pontoni Monfalcone 12, Secis Costruzioni Jesolo 10, LuxArm Lumezzane 10, Antenore Energia Virtus Padova 8*, Caffè Agostani Olginate 8*, Green Up Crema 8, Allianz Bank Bologna 8, Lissone Interni Bernareggio 2.
* Antenore Energia Virtus Padova ed Agostani Caffè Olginate 1 gara in meno.