Tempo di lettura: 2 minuti

Nonna Abele e la nipote Erica, anni 7

Concordo con l’insegnante, sul collegamento tra espletare i propri bisogni addosso e la figura materna. Solitamente, una primogenita riprende a farsela addosso quando nasce un fratellino.

La spiegazione è semplice ed adeguata alla logica infantile. Il fratellino o la sorellina che arrivano ad invadere una spazio ormai considerato “proprio territorio” da chi già c’è, non ha molto di attraente: piange, disturba e RUBA l’attenzione della mamma e di tutti i familiari.

Per di più, ha manifestazioni fisiologiche, accolte con gioia: “Che bella cacca hai fatto!” dice la mamma, togliendo il pannolone e lavando il culetto del piccolo. La bimba, in disparte, ragiona: “Se a lui fa le coccole e per me non ha tempo…se me la faccio addosso, dirà anche a me che sono brava…”

Invece, in casa la sgridano, la prendono in giro e la bimba resta sconcertata, perché, secondo il proprio ragionamento, se ad un’azione corrisponde una reazione, perché quando l’azione è del fratellino la reazione non è uguale a quando agisce lei?

Ed è qui che dovrebbe inserirsi la figura materna, con piccole strategie di comunicazione, atte a far sì che la bimba comprenda ciò che è adeguato alla sua età e ciò che non lo è. I disegni di Erica sono tutti improntati alla solitudine…ed alla paura della solitudine.

Ben vengano gli abbracci paterni e quelli dell’attenta Nonna Abele: ma sono richiesti quelli della mamma. Una cosa da tenere presente è, poi, il fatto che non importa se gli anni passano: quando una bambina ha sentito i morsi della gelosia , se li può portare addosso anche vent’anni.

Cioè, può soffrire e manifestare somaticamente la propria sofferenza per molto tempo, fino a quando accadrà qualcosa di positivo (innamoramento, ad esempio) che consoliderà le basi del senso dell’Io, facendo sparire la somatizzazione o la manifestazione negativa.

CONDIVIDI
Anna Grasso Rossetti
Dopo l'insegnamento mi sono dedicata alla libera professione di: psicologa, perito grafico, esperto del segno presso i Tribunali, docente di psicologia della scrittura, di comunicazione fattiva e tecniche di rilassamento, consulente in Sessuologia, psicologa dello Sport. Sono iscritta al Collegio Lombardo Periti Esperti e Consulenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *