Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia, Cremona, Edolo, Mantova e altre città italiane aderiscono quest’anno alla MEETmeTONIGHT, faccia a faccia con la ricerca è un progetto nell’ambito delle manifestazioni legate alla Notte Europea dei Ricercatori.

Con un occhio di riguardo verso il coinvolgimento attivo delle scuole e della cittadinanza, tanto nella fase di avvicinamento quanto durante l’evento nei giorni 27 e 28 settembre. MEET mira a realizzare un’occasione unica di incontro con la ricerca, dove parlare e interagire coi suoi protagonisti, scoprire cosa si fa nei loro laboratori e sperimentare in prima persona quanto tutto questo abbia impatto anche nella nostra vita quotidiana.

Laboratori interattivi, giochi di ruolo, talk divulgativi, visite guidate gratuite ai musei civici, momenti di gioco-dibattito PlayDecide che coinvolgono la cittadinanza su temi rilevanti a livello europeo, proiezioni di film e concerti si sviluppano attorno alle cinque grandi aree tematiche della ricerca: “Scienza e Tecnologia”, “Cultura e Società”, “Ambiente”, “Salute” e “Patrimonio Culturale”.

MEETmeTONIGHT porta fuori dalle università il mondo della ricerca, senza mai sminuirne la complessità o l’importanza, ma con la leggerezza del divertimento e la forza del coinvolgimento diretto.

La Notte dei Ricercatori è un’iniziativa promossa dalla Commissione Europea sin dal 2005 che coinvolge ogni anno migliaia di ricercatori e istituzioni di ricerca in tutti i paesi europei. L’obiettivo è creare occasioni d’incontro tra ricercatori e cittadini per diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca in un contesto informale e stimolante. L’Italia ha aderito da subito all’iniziativa europea con una molteplicità di progetti che ne fanno tradizionalmente uno dei paesi europei con il maggior numero di eventi sparsi sul territorio.

Ecco il programma nelle città del teritorio:

Brescia

Cremona

Edolo, Brescia

Mantova

Lodi

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *