Tempo di lettura: 1 minuto

L’iter per la richiesta di erogazione del contributo Sabatini si fa più semplice. Lo stabilisce la circolare del 22 luglio che fornisce le nuove modalità operative per l’incentivo in attuazione a quanto stabilito dal Decreto Crescita.

Le piccole e medie imprese possono ora presentare, attraverso l’apposita piattaforma telematica, la richiesta unica di erogazione riferita a tutte le previste quote annuali di contributo, unitamente all’ulteriore documentazione richiesta. Non sarà più necessario duplicare la richiesta ogni anno.

Le PMI che abbiano già richiesto una o più quote del contributo sulla base delle regole precedenti devono compilare e trasmettere al Ministero la Richiesta di erogazione delle Quote di contributo Rimanenti.

Ricordiamo che da maggio 2019 il tetto per gli investimenti finanziabili è stato elevato da 2 a 4 milioni di euro, e che per gli investimenti fino a 100 mila euro il contributo viene erogato in un’unica rata.

Altra novità del Decreto Crescita riguarda i soggetti finanziatori: oltre alle banche e agli intermediari autorizzati per il leasing, è possibile rivolgersi anche ad altri intermediari finanziari che operano con le Pmi.

CONDIVIDI
GFinance
GFINANCE opera da oltre 25 anni nel settore della finanza agevolata a fianco delle imprese e della pubblica amministrazione. Offre la propria consulenza per il reperimento di risorse finanziarie e di fondi pubblici, con l’attivazione e la gestione di strumenti regionali, nazionali e comunitari di finanza agevolata. Si è specializzata in ambiti che godono di particolare attenzione e rappresentatività: manifatturiero, energia e ambiente, agroalimentare, ict, smart city, welfare e salute.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *