Tempo di lettura: 2 minuti

In occasione della Giornata Mondiale della Terra, indetta dall’ONU nel 1970 e celebrata ogni 22 aprile, la Fondazione UniVerde e la Società Geografica Italiana Onlus promuovono il concorso di fotografia geografico-ambientale “Obiettivo Terra”, giunto all’VIII edizione. In palio € 1.000 e molti altri premi.

Per partecipare c’è tempo fino al 21 marzo, la partecipazione è gratuita e aperta a tutti, il soggetto fotografato dovrà necessariamente rappresentare un’immagine di un Parco Nazionale o Regionale italiano. Il concorso, ideato per sostenere i Parchi Nazionali e Regionali italiani nel faticoso compito di difesa, valorizzazione e promozione del patrimonio ambientale, del paesaggio, delle peculiarità e delle tradizioni enogastronomiche, agricole, artigianali, storico-culturali e sociali. Vuole anche permettere la diffusione di un modello di turismo ecosostenibile e responsabile e lo sviluppo dell’economia circolare nei comuni dei parchi.

Per ora a candidare le proprie foto ci sono stati più uomini che donne, raccontano dalla fondazione UniVerde, quindi forza donne! Tra i parchi più fotografati, per ora, quelli duramente colpiti dai terremoti: il Parco Nazionale dei Monti Sibillini e il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

La cerimonia di premiazione si terrà il 21 aprile, per celebrare l’Earth Day del 22 aprile, e per valorizzare le nostre bellezze naturali e sostenere le attività delle aree protette, la promozione  del turismo sostenibile e responsabile nonché la conservazione delle locali tradizioni agricole, artigianali, storico-culturali e di tutela ambientale.

Il vincitore del concorso sarà decretato da una giuria di esperti. Il vincitore oltre al premio in denaro e una targa premio, la foto vincitrice sarà esposta con gigantografia a Roma, inserita nella mostra e sul calendario 2018 e usata per la copertina della pubblicazione dell’edizione 2017. Sono previste anche 5 menzioni: area costiera; paesaggio agricolo; alberi e foreste, animali, fiumi e laghi e una menzione fuori concorso, in collaborazione con Marevivo per la categoria “Foto subacquea”.

Le menzioni speciali istituite per l’anno 2017 sono:

  • Borghi: un premio alla più bella foto di un borgo all’interno di un parco nazionale o regionale, in collaborazione con l’Associazione “I borghi più belli d’Italia.
  • Difesa del suolo: un premio in collaborazione con la Società Italiana di Geologia Ambientale – SIGEA alla foto che meglio rappresenti elementi naturali o di ingegneria naturalistica volti a contrastare i fenomeni di dissesto idrogeologico nei parchi nazionali e regionali italiani
  • Earth Day: il premio alla più bella foto scattata in un parco nazionale o regionale da uno studente che abbia conseguito almeno 6 crediti universitari in geografia per celebrare il 150° Anniversario della Società Geografica Italiana
  • Madre Terra: un premio alla miglior foto scattata nei parchi nazionali e regionali colpiti dagli episodi sismici del 2016.
  • Turismo sostenibile: 2017 Anno Internazionale ONU del Turismo Sostenibile.

I vincitori delle menzioni e delle menzioni speciali riceveranno una targa premio e l’inserimento della foto nella pubblicazione, nella mostra e sul calendario 2018.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *