Tempo di lettura: 3 minuti

Gardone Val Trompia, Brescia. C’è grande attesa per la settima edizione di Oblomov, il Festival in programma dal 4 al 6 aprile, si presenta con una formula consolidata senza rinunciare a qualche bella novità: tre giorni di incontri, letture, performance e musica dove i protagonisti sono i romanzi e i loro autori.

Promosso dalla Città di Gardone Val Trompia con il prezioso contributo di Regione Lombardia, Attività culturali Edoardo Racheli e Metal Work. Tutti gli eventi, eccetto lo spettacolo La più lunga ora, si terranno nella tensostruttura allestita nella suggestiva cornice del cortile di Villa Mutti Bernardelli, sede della Biblioteca Comunale a Gardone Val Trompia. Ingresso libero e gratuito.

Il programma:

Si comincia fortissimo, giovedì 4 aprile, con un aperitivo che è un omaggio alla poetica di Davide Van De Sfroos. Il bluesman Francesco Piu, già chitarrista della band del celebre cantautore, esegue dal vivo brani di artisti amati da Van De Sfroos e citati nella canzone Il camionista ghost rider: Jimi Hendrix, Woody Goutrie, Robert Johnson, Johnny Cash. Davide Van De Sfroos sarà presente all’aperitivo per un firmacopie. La sera, alle 21.30, è il momento dell’intervista a Davide Van De Sfroos che presenta ben tre libri freschi di stampa editi dalla Nave di Teseo.

Nella stessa serata Marco Archetti presenta Una specie di vento, romanzo toccante che ricorda la strage di Piazza della Loggia del 28 maggio 1974. Di Marco Archetti, il famoso scrittore americano Joe R. Lansdale ha detto “E’ un romanziere raffinato e intelligente. Non perdete questo treno, saltateci su adesso”.

Il secondo giorno, venerdì 5 aprile, vedrà un divertente scambio di ruoli tra l’autrice Ester Viola (Einaudi) e Giulia Cavaliere (Minimum Fax). All’aperitivo, l’avvocato scrittore intervisterà Giulia Cavaliere sul libro Romantic Italia, mentre in prima serata la giornalista Giulia Cavaliere intervisterà Ester Viola sul libro Gli spaiati. In seconda serata non mancherà la musica. E che musica! Due artisti del Maggio Musicale Fiorentino (Elida Pali e Lorenzo Fuoco) accompagneranno la presentazione del libro di Paola Calvetti Gli innocenti: una grande storia di musica con una grande musica dal vivo.

Gran finale, sabato 6 aprile. Per tutto il pomeriggio le interviste saranno intervallate dalla musica di due musicisti formidabili: Dudu’ Kouate (percussioni) e Guido Bombardieri (sax alto, soprano e flauto). Alle 16.00 intervista a Gabriella Greison. Autrice amatissima di romanzi a tema scientifico, Gabriella Greison è anche attrice. A Oblomov presenta il romanzo Einstein e io edito da Salani. Alle 17.00 presentazione del libro I tempi nuovi, freschissimo giallo edito da Sellerio. Il suo autore, Alessandro Robecchi, è anche autore televisivo, tra le altre cose dei testi di Crozza.

Il momento più atteso del pomeriggio è certamente l’incontro con Vinicio Marchioni, celebre attore di cinema, teatro e televisione. Noto per aver interpretato Il Freddo in Romanzo criminale, serie televisiva ispirata alla vera storia della banda della Magliana, Vinicio Marchioni si concede al pubblico rilasciando un’intervista a tutto campo, dai gusti letterari al lavoro di attore.

Il festival si chiude con lo spettacolo La più lunga ora. Ricordi di Dino Campana scritto e diretto dallo stesso Vinicio Marchioni. I biglietti per lo spettacolo, frutto della collaborazione tra Oblomov e la rassegna teatrale “Proposta”, sono in vendita al costo di 10 euro. Ma il pubblico di Oblomov potrà godere di uno sconto speciale: durante il festival saranno infatti disponibili 50 coupon per partecipare alla rappresentazione a prezzo dimezzato. Coloro che volessero godere sia delle interviste del pomeriggio che dello spettacolo serale, potranno approfittare dell’apericena offerto dal Festival, restando tutto il giorno tra musica, autografi, interviste e un buon bicchiere di vino.

Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.