Gardone Val Trompia. Prosegue in Valle Trompia fino al 25 ottobre “Officina Liberty – Ri#uso delle idee e degli spazi”,  un nuovissimo festival della scienza che propone di attivare sul territorio una sinergia fra mondo delle imprese, mondo della scuola e organizzazioni della società civile sul tema dell’innovazione sociale, culturale e tecnologica. Un laboratorio territoriale per la sperimentazione e la contaminazione dove i diversi linguaggi si fondono e sviluppano. Il festival è anche musica, spettacoli, teatro e molto altro.lib 7

Gran parte del territorio di Gardone Val trompia sarà a disposizione del festival, dal parco del Mella alla villa Muttio Bernardelli (sede della biblioteca), dai così detti “capannoncini”, spazio dedicato alle politiche giovanili, alla palazzina liberty, forniscono uno spazio molto ampio, necessariamente fatto di più luoghi, una sorta di ingranaggio che rende vivace l’intero paese, attrattore di interesse, luogo di incontro e sviluppo culturale dinamico, capace di trovare connubio tra forze pubbliche e private, creatività e nuovi possibili sviluppi dell’intera cittadinanza, riportando in primo piano la cultura, ambito un po’ marginalizzato in un ambiente in cui l’aspetto manifatturiero ha sempre avuto una forte prevalenza.lib 12

E’ rivolto a tutti: dai ragazzi agli studenti, dagli operai ai pensionati, agli innovatori di tutte le età. E’ un laboratorio aperto alle innovazioni creative, industriali, artigianali e culturali. Il Festival con un’infinità di laboratori, mostre e incontri presenta nuove visioni rispetto alle tematiche scientifiche che possono creare, modificare, innovare stili di vita, stili di produzione e di fruizione del territorio e dei suoi prodotti. Un’idea per dare a tutti gli strumenti per leggere, costruire, modificare, migliorare il proprio futuro e quello della comunità in cui viviamo.lib 1

È un Festival che unisce scienza, tecnologia, divertimento e business e dà vita a qualcosa di completamente nuovo. E’ una manifestazione che nasce per soddisfare un pubblico di curiosi di tutte le età che vuole conoscere da vicino e sperimentare le possibilità delle nuove tecnologie. Soluzioni, invenzioni che nascono dalla voglia di risolvere piccoli e grandi problemi della vita di tutti i giorni. Non solo un festival per addetti ai lavori, dunque.

Infatti, si possono trovare spunti in campo scientifico e tecnologico, dalle stampanti 3D ai possibili utilizzi dell’informatica nella musica, ma anche nuove forme d’arte, spettacolo, artigianato, sperimentazioni sul territorio e altro. Incontro, confronto, formazione, divertimento e interazione vogliono essere parole d’ordine del primo Festival Officina Liberty. Il pubblico potrà conoscere e sperimentare; l’innovazione diventerà un po’ più alla portata di tutti e i visitatori saranno parte integrante del festival che si svilupperà nelle  prossime edizioni.lib 6

“Officina Liberty – Ri#uso delle idee e degli spazi”, progetto promosso dalla Città di Gardone Val Trompia con i partner Istituto Superiore “C. Beretta”, Solco Brescia, Treatro Terre di Confine insieme agli sponsor tecnici Prototek e LABA, e finanziato da Fondazione Cariplo nell’ambito del Bando “Patrimonio culturale per lo sviluppo”. L’intero programma è disponibile sul sito www.officinaliberty.it nella sezione Festival

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.