Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. Continua a stupire e attrarre migliaia di visitatori la mostra del Genovesino nelle sale del museo civico Ala Ponzone, tanto da indurre la direzione del museo a prorogare la mostra sino al 4 febbraio. Molte sono anche le iniziative collaterali alla mostra di cui un concerto in programma alle ore 11 di sabato 6 gennaio nella Sala Manfredini del Museo Civico.

Emi Aikawa, soprano, Claudia Combs al violino, Francesco Zuvadelli al clavicembalo, sono i protagonisti del concerto Le parole del GenovesinoMusiche tra la fine del 1500 e la metà del ‘600, che si terrà sabato 6 gennaio, alle ore 11, nella Sala Manfredini di Palazzo Affaitati.

L’appuntamento, che si colloca nell’ambito della rassegna Musica al Museo, è un omaggio al pittore Luigi Miradori, detto il Genovesino, di cui la Pinacoteca ospita, sino al 4 febbraio prossimo, la mostra a lui dedicata. Prosegue così la conoscenza di questo artista non solo attraverso le sue opere, ma anche attraverso la musica che si eseguiva e si componeva in quegli anni.

Il trio eseguirà infatti brani di Claudio Monteverdi (Cremona 1567-Venezia 1643), Andrea Falconieri (Napoli 1585/86- Napoli 1656 ), Michelangelo Grancini (Milano 1605-Milano 1669), Girolamo Frescobaldi (Ferrara 1583-Roma 1643), Marco Uccellini (Forlimpopoli 1603?-Forlimpopoli 1680), Biagio Marini (Brescia 1594-Venezia 1663), Francesco Cavalli (Crema 1602- Venezia 1676), di Bernardo Storace (sec. XVII), di Thomas Weelkes (Elsted 1576-London 1623), Tarquinio Merula (Busseto 1595-Cremona 1665) e di Alessandro Stradella (Nepi 1639- Genova 1682).

L’ingresso al concerto è libero.

Inoltre, il 7 gennaio, prima domenica del mese, in occasione della mostra Genovesino. Natura e invenzione nella pittura del Seicento a Cremona, ingresso al Museo “Ala Ponzone” e alla mostra a soli 3 euro. Ingresso gratuito al Museo Archeologico di San Lorenzo e al Museo di Storia Naturale.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *