Tempo di lettura: 2 minuti

Orzinuovi, Brescia. La Fondazione Filosofi lungo l’Oglio nella celebrazione della V Giornata Europea dei Giusti, che chiude il festival Fare Memoria, lunedì 6 marzo rende omaggio a Elie Wiesel, Giovanni Paolo II e Padre Jacques Hamel.Giardino-dei-giusti-2015-orzinuovi_00082

Lunedì è una mattinata dedicata al ricordo di tutti coloro che nel mondo hanno cercato o cercano di impedire il crimine di genocidio. La Cerimonia di proclamazione dei Giusti, promossa in partnership con Gariwo e grazie all’appoggio del Comune di Orzinuovi, all‘adesione del Prefetto di Brescia e con i patrocini di Regione Lombardia, Provincia di Brescia, Consigliera di Parità di Brescia, vuole «ribadire con forza l’importanza di questa giornata, che è al tempo stesso inno alla vita e memoria attiva» – spiega il direttore scientifico Francesca Nodari.Elie Wiesel

Alle ore 11.00, presso il Giardino dei Giusti di Orzinuovi, Parco Alcide de Gasperi, alla presenza delle autorità e degli studenti delle classi primarie e secondarie del territorio.

Verranno ricordati:

Elie Wiesel (1928-2016), scrittore di origine ebraica sopravvissuto alla Shoah, giornalista, saggista, filosofo e attivista per i diritti umani. Un punto di riferimento nelle riflessioni sulla Shoah per la “riv” (lotta con Dio) che emerge dai suoi testi. A tratteggiarne la figura sarà Daniel Vogelman, che lo ha conosciuto personalmente e che ha tradotto il suo testo più famoso La notte.

Giovanni Paolo II (1920-2005), nato in Polonia, è stato il primo Papa non italiano dai tempi di AdriaGiovanni Paolo IIno VI e tra i pochi a meritare il titolo di «Grande». Un grande esempio di resistenza morale al nazismo e al comunismo, nonché un uomo che ha accettato profondamente la sua sofferenza. Da ricordare nel suo pontificato l’importanza data al dialogo con le nuove generazioni e l’istituzione, nel 1986, della Giornata mondiale della gioventù, che da allora, viene celebrata ogni anno. In suo ricordo interverrà AnnaliaGuglielmi, membro di Gariwo.

Ed infine Padre Jacques Hamel (1930-2016), uomo mite e di grande carisma con 50 anni di sacerdozio alle Padre Jacques Hamelspalle. Venne preso in ostaggio insieme a due suore e due fedeli da due attentatori che entrarono in azione il 26 luglio 2016 presso la chiesa di Saint-Etienne-du-Rouvray, vicino a Rouen. Allorché gli venne richiesto di inginocchiarsi per abiurare la propria fede, Padre Hamel si rifiutò non temendo di votarsi a morte certa. Con la sua figura si vogliono ricordare tutte quelle persone che sono state brutalizzate e uccise per la loro fede. Verrà ricordato da Don Amerigo Barbieri, delegato vescovile e dalla Console Marion Fesneau-Castaing, in rappresentanza del Consolato generale Francese in Italia.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *