Parte con 2,4 miliardi di euro il credito d’imposta per investimenti in Ricerca e Sviluppo. Il provvedimento, superato il vaglio della Corte dei Conti, è stato pubblicato sul sito internet del Dipartimento delle Finanze.
L’incentivo interessa tutte le imprese, piccole e grandi, operanti sul territorio nazionale.

Permette di ottenere un bonus fiscale fino al 50% delle spese sostenute per:

  • il personale altamente qualificato impiegato nelle attività di R&S (dottori di ricerca, dottorandi, lauree magistrali di ambito tecnico-scientifico),
  • le quote di ammortamento delle spese di acquisizione o utilizzo di strumenti ed attrezzature,
  • le spese relative a contratti di ricerca (con università, centri di ricerca, altre aziende),
  • le competenze tecniche relative a brevetti.