Tempo di lettura: 3 minuti

Seriate, Bergamo. È il re degli ottomila Reinhold Messner, in veste di regista del film Holy Mountain, a inaugurare martedì 22 gennaio la 13° edizione dell’Orobie Film Festival.  L’evento è promosso dall’Associazione culturale “Montagna Italia” e Regione Lombardia in collaborazione con CAI Lombardia, dedicato alla montagna si svolgerà a Seriate presso il Cinema Gavazzeni dal 22 al 26 gennaio.L’iniziativa desidera diffondere la cultura e la conoscenza delle montagne attraverso il cinema con la promozione di un concorso internazionale rivolto a registi e produttori che abbiano prodotto e girato film, cortometraggi e documentari riguardanti le cosiddette “terre alte del mondo” e, in particolare, saranno toccate tematiche quali l’alpinismo, l’arrampicata, l’escursionismo, la natura, l’ambiente, la storia, i personaggi, gli usi e i costumi.

Il concorso, come ogni anno, è suddiviso nelle consuete tre sezioni in base al territorio in cui è stata girata l’opera: “Orobie e montagne di Lombardia”, “Paesaggi d’Italia” e “Terre Alte del Mondo”. La 13° edizione prevede un programma ben nutrito: 18 film e 24 fotografie in concorso, 2 film fuori concorso, 4 momenti collaterali, le premiazioni.

Parlando di grandi alpinisti, non può mancare Reinhold Messner, che con il suo film” Holy Mountain”, apre il festival. Una storia avvincente ambientata in Nepal nel 1979, racconta di un gruppo di giovani neozelandesi, guidati da Peter Hillary, che decide di scalare il monte Ama Dablam, 6.828 mt. Reinhold Messner intende fare lo stesso con la sua squadra. Durante l’ascesa il primo gruppo sembra in serio pericolo e la spedizione di Messner, in una dimostrazione di cameratismo senza precedenti, decide di salvare gli altri scalatori trovatisi in difficoltà. Il documentario ci trasporta in un viaggio incredibile, mescolando immagini private e d’archivio con la determinante testimonianza di Reinhold Messner e dei suoi compagni.

Tra gli eventi collaterali in programma mercoledì 23 gennaio viene presentato “Il sentiero sensoriale dei Bagni di Masino” a cura di ERSAF Lombardia. Nella splendida cornice della Val Masino (SO), tra boschi, pascoli e guglie granitiche, nel 2014 ERSAF ha realizzato, con la collaborazione dell’Unione Ciechi e Ipovedenti Lombardia Onlus, un sentiero sensoriale per promuovere un turismo sociale, sostenibile e aperto a tutti. Si tratta di un itinerario ad anello in nove tappe progettato con l’intento di rendere il territorio accessibile e fruibile anche alle persone ipovedenti, non vedenti o di varia abilità e permettere la scoperta e la conoscenza dei vari aspetti della natura.Giovedì 24 gennaio saranno presenti il Comune e la Pro Loco di Oltre il Colle che illustreranno, in tre momenti differenti, la storia del paese con l’ambiente ed il paesaggio, l’ubicazione delle miniere, la geologia, le fotografie dei minerali, l’Ecomuseo, le miniere attive e le miniere come musei e infine la montagna in inverno: piste da sci, passato e futuro.

In serata finale, in anteprima assoluta, verrà presentato un video realizzato dalla rivista Orobie insieme agli speleologi dell’associazione Progetto Sebino e a Uniacque.Sempre in serata finale si terrà la terza edizione del Bonatti day, dedicata al grande alpinista. Verrà assegnato il premio Walter Bonatti a Eleonora Delnevo per la tenacia e determinazione con cui ha salito El Capitan in California, nonostante la perdita dell’uso delle gambe nel 2015 durante un incidente. Eleonora aveva già provato questa salita nel 2016, ma dovette abbandonare.

Inoltre verrà proiettato il film “Chogorì la grande montagna” di Roberto Condotta, in collaborazione con il Centro di Cinematografia e Cineteca del Cai.

Sarà presente anche la Fondazione Cassin per ricordare il grande Riccardo a dieci anni dalla sua scomparsa. Altro momento importante della serata finale sarà la performance artistica “Tuo Walter” del Soprano Silvia Lorenzi: si tratta di una narrazione intervallata da alcuni brani, con l’accompagnamento di un video d’arte realizzato da Giorgio Tomasi composto da immagini d’archivio, storiche e private, del grande alpinista bergamasco, conservate dall’amico Dino Perolari.

A conclusione del Festival si terrà la consueta Cerimonia di Premiazione dei Concorsi cinematografico e fotografico, alla presenza della Giuria, delle Autorità e dei Partner che consegneranno i riconoscimenti ai registi e ai fotografi vincitori.

Tutte le serate di OFF saranno ad ingresso libero, per favorire il principio di “cultura gratuita”.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *