Cremona. Nel Concistoro ordinario pubblico del 19 maggio 2018, papa Francesco ha stabilito che la canonizzazione di Oscar Arnulfo Romero, l’Arcivescovo ucciso nel 1980 a San Salvador, il 14 ottobre il vescovo martire del Salvador si appresta dunque a diventare ufficialmente “San Romero delle Americhe”.

Alle ACLI di Cremona una serata per ricordare la figura di Oscar Arnulfo Romero, pastore, profeta, credente e salvadoregno, disposto a difendere i diritti umani sino al costo della sua stessa vita, con la messa e la presentazione del libro di don Antonio Agnelli “ Osar Romero. La fede consumata nell’amore e nel martirio”, mercoledì 10 ottobre  ore 17,30 presso Acli in via Massaia.

L’incontro è organizzato dal circolo Oscar Romero che celebra la canonizzazione di Mons. Romero con l’iniziativa in sede Acli e partecipando in delegazione alla cerimonia a Roma.

Mons. Romero, pastore di una chiesa non allineata al potere e alla dittatura, hanno rappresentato e rappresentano la vera strada della fede e della giustizia per il popolo salvadoregno. Era marzo del 1980 quando un sicario mandato dal regime mise a tacere la voce di Monsignor Romero, con due colpi inferti mentre celebrava la massa e alzava l’eucarestia. Nell’omelia aveva appena denunciato l’orrore del governo d’allora che mandava i bambini nei campi minati per aggiornare le mappe.

Nel periodo più buio della dittatura nel Salvador, Romero è accanto ai poveri e contadini vittime delle oppressioni del governo. Con le sue denuncie continue delle violazioni dei diritti umani, delle disuguaglianze, delle repressioni trasformano il vescovo in un sostegno per il popolo del Salvador.

Se mi uccideranno, risorgerò nel popolo salvadoregno”  Lo uccidono mentre “spezza il pane”.