Colorno  (Parma) – Sabato 9 luglio, alla Reggia di Colorno esibizione della Filarmonica Arturo Toscanini, diretta da Alpesh Chauhan.

L’Ottocento sinfonico, definisce con chiarezza il percorso musicale delineato dal programma, che inizierà con l’esecuzione della celebre Sinfonia da Il barbiere di Siviglia di Gioacchino Rossini e proseguirà con l’altrettanto famosa Sinfonia da La forza del destino di Giuseppe Verdi.

Dopo l’omaggio ai due grandi operisti italiani, la Filarmonica eseguirà le Variazioni su un tema di Haydn op.56a di Johannes Brahms, che il maestro amburghese trasse dalla cosiddetta Corale di Sant’Antonio di Franz Joseph Haydn, l’Adagio dal sesto dei suoi Sei divertimenti a fiato.

Nella seconda parte del concerto il pubblico potrà ascoltare uno dei più celebri capolavori della storia della musica, la Sinfonia n.5 in do minore op.67 di Ludwig van Beethoven che il grande compositore tedesco scrisse nel 1807 e che è universalmente considerata la più eseguita e la più universalmente conosciuta delle sue Sinfonie, quella che rappresenta come nessun altra il paradigma del sinfonismo beethoveniano.

Il direttore del concerto, Alpesh Chauhan, inglese venticinquenne che è una delle stelle nascenti della direzione d’orchestra mondiale, è stato “scoperto” dalla Fondazione Toscanini nel suo incarico di assistente di Andris Nelsons presso la City of Birmingham Symphony Orchestra, organismo che è una vera e propria fucina di talenti, a partire da Sir Simon Rattle, attuale direttore dei Berliner Philharmoniker. Oggi Chauhan è un direttore conteso da tutte le orchestre italiane ed ha davanti a sé una carriera internazionale di assoluto rispetto. Malgrado la giovanissima età, egli ha già dimostrato grandissime qualità musicali e interpretative, già rilevate dalla critica musicale nelle sue recenti presenze all’Auditorium Paganini e in tutta Europa.