Tempo di lettura: 3 minuti

Il Castello di Padernello e la sua Fondazione  è uno degli virtuosi esempi che ha saputo rigenerare una comunità e un territorio, creando nuove occasioni di cultura, di lavoro grazie al connubio di innovazione e tradizione, cura del paesaggio e sviluppo economico.

A  15 anni dalla nascita del progetto la Fondazione continua a generare socialità e comunità. Popolis è stato al fianco della Fondazione Castello di Padernello sin dall’inizio della “sfida culturale” e Cassa Padana è un sostenitore del progetto.Pubblichiamo una riflessione di Domenico Pedroni, presidente della Fondazione Castello di Padernello:

“In questo anno “horribilis” 2020, ricorre il quindicesimo anno della costituzione della nostra Fondazione. E’ un anno difficile, complicato, pieno di difficoltà, però la visione della Fondazione non è cambiata, continuare ad essere lungimiranti è indispensabile. Ci sono certamente problemi legati alle chiusure, con l’impossibilità di fare le visite guidate, la mancanza di tante manifestazioni ed eventi, ma l’idealità e la concretezza dei progetti resta e prosegue. Nei primi cinque anni abbiamo usato le prime parole chiave ovvero la forza delle idee, la convinzione che le cose si possono fare, il sogno, tenendo i piedi per terra, che si realizza.Nei secondi cinque anni abbiamo utilizzato altre tre parole chiave ovvero la buona gestione, la creazione di un luogo di socialità e di comunità, la passione e la lungimiranza. Negli ultimi cinque anni dal 2015 al 2020 le parole chiave utilizzate sono state: la creazione della governance della Fondazione, con lo Staff di Direzione ed il forte rafforzamento dei collaboratori. La seconda parola chiave è la forte convinzione che la concretizzazione della missione del Castello sta fuori del castello, quindi è stato necessario realizzare il progetto del Borgo artigiano e rurale. La terza parola chiave è il forte rafforzamento delle relazioni, continuare a tessere positive azioni con Enti, Associazioni, privati, al fine di diventare un punto di riferimento per la Bassa Pianura. Sono stati quindici anni di grande impegno, di grande dedizione, di grande visione, cercando di integrare il fondamentale apporto dei volontari, con la crescita dello staff di direzione.

Castello di Padernello @Virginio Gilberti

Unitamente sono state sviluppate azioni di crescita delle iniziative culturali, con rafforzamento ed introduzione di ulteriore visite guidate al castello ed ampliamento della comunicazione grazie al contributo ricevuto dal Bando Cariplo “Cultura Sostenibile”. Con il progetto Verso il Borgo sono state poste le basi, grazie ad un forte e motivato partneriato, composto dall’Associazione Artigiani di Brescia e Provincia, dalle Associazioni di Lodi e Crema, dal grande sostegno della Camera di Commercio di Brescia, dal Centro di Coordinamento del 18  centri Professionali e dall’Accademia Santa Giulia e Gruppo Foppa, per la costruzione di un borgo artigiano vero e concreto, un borgo che farà decollare botteghe, scuole botteghe, alta formazione, un albergo diffuso.

La Fondazione ha gestito l’acquisto della Cascina Bassa a Padernello, ha cercato i privati che potessero operare all’interno della Cascina, garantendo un restauro conservativo ed una attività che alimentasse un collegamento forte con il territorio e con un’agricoltura di prossimità. Di grande rilevanza anche la partecipazione con una quota nella costituzione dell’Impresa Sociale Connessioni Srl, che sarà chiamata a gestire una quota parte della Cascina Bassa.

Castello di Padernello @Virginio Gilberti

Con il progetto “Sui passi di Giuliano Mauri” ci è stato assegnato un contributo dalla Regione Lombardia a valere su un bando per gli attrattori turistici, che ci ha permesso di creare itinerari turistici per la scoperta della Lombardia attraverso l’arte contemporanea, l’arte in natura di Giuliano Mauri. Far conoscere il nostro territorio, attraverso collegamenti sovra provinciali e regionali, creando positive azioni di collaborazione, per aprirci a concetti di sostenibilità, di salvaguardia della nostra terra, di valorizzazione di luoghi naturalistici.

A quindici anni di distanza permane per il Castello di Padernello, una grande passione, una grande visione, un grande affetto per questo luogo capace di dare forti emozioni, facendolo diventare un luogo di socialità e di comunità. L’anniversario della costituzione della Fondazione è anche per me motivo per ringraziare di cuore tutti i volontari, i collaboratori, i soci sostenitori, i partner di progetto, i donatori, il Consiglio Direttivo e tutti coloro che in diversi modi e forme condividono il Progetto Padernello. A tutti, nessuno escluso, un grazie di cuore. Vi auguriamo un Felice e Santo Natale! Domenico Pedroni – Presidente Fondazione Castello di Padernello.