Tempo di lettura: 3 minuti

Brescia. Se non ci fosse la Caritas? Con i suoi volontari, i giovani, i sacerdoti, non ci sarebbero solo persone povere abbandonate a se stesse, saremmo più poveri tutti, perlomeno nello spirito. È spontaneo porsi delle domande dinnanzi alle persistenti iniziative degli infaticabili volontari per sostenere la comunità.

A conferma della insaziabile volontà di far bene “ciò che conta”, la Caritas Diocesana ripropone domenica 2 dicembre la Giornata del Pane, che quest’anno nel mese che si avvicina al Natale apre “Buoni come il pane”, la proposta per l’Avvento di Carità 2018.

Nel solco di 23 anni di collaborazione, la Giornata del Pane è realizzata con il contributo del Gruppo Panificatori di Confartigianato Imprese Brescia e Lombardia orientale, che si impegnano a sfornare la quantità di pane necessaria.

I volontari della parrocchia confezionano il pane nei sacchetti di “Buoni come il pane”, che vengono distribuiti, secondo le modalità individuate, al termine delle Celebrazioni Eucaristiche. Quanto raccolto durante la Giornata del Pane 2018 permette a Caritas Diocesana di “mettere in tavola la solidarietà” ovvero di continuare ad assicurare un pasto quotidiano agli ospiti della mensa dei poveri Menni in via Vittorio Emanuele II, 17. Un pane per chi non ha pane!

Da anni la mensa dei poveri si propone infatti di fornire un pasto caldo alle persone senza fissa dimora o in situazioni di emarginazione grave e di offrire loro accoglienza e ascolto, anche attraverso il Centro di Ascolto Porta Aperta.

Nel 2017 gli ospiti alla Mensa sono stati 1273 e 47.458 il numero dei pasti distribuiti. Anche grazie all’impegno di molti volontari che rinnovano ogni giorno il loro “Anch’io x la mensa”. È dal 2000 che la Mensa Menni mette in tavola la solidarietà. La Mensa infatti è stata promossa in occasione del Giubileo del 2000 su iniziativa di Caritas Diocesana di Brescia, delle Suore Ancelle della Carità e di altre realtà caritative della Diocesi; attualmente è gestita attraverso l’Associazione Casa Betel 2000 Onlus.

Lo scorso anno l’evento della Giornata del Pane ha raccolto più di 50.000 euro di donazioni che sono stati impiegati per sostenere il progetto Caritas “Briciole Lucenti”. Per comprendere la dimensione per problema la Caritas anche quest’anno, con l’Osservatorio delle povertà e delle risorse di Caritas Diocesana Brescia, presenta il flash report su povertà ed esclusione sociale a Brescia.

I dati di questo flash report, dal titolo “L’onda lunga della povertà”, si riferiscono alle persone che nel corso del 2017 si sono rivolte ai 37 Centri di Ascolto “collegati in rete” con Caritas Diocesana di Brescia attraverso il sistema SINCRO, oltre che alle informazioni relative alle azioni di “Mano Fraterna”, l’insieme delle cinque risposte date attraverso il Microcredito Sociale in cui collabora anche Cassa Padana, l’Ottavo Giorno, la Mensa Menni, il Sostegno all’Occupazione e il Fondo Assistenza.

Si tratta, quindi, di una rilevazione che non rispecchia l’incidenza della povertà nella diocesi di Brescia, ma permette di evidenziare alcune tendenze relativamente ai profili della povertà accolta nei Centri di Ascolto Caritas.

Anche la Delegazione Caritas Regione Lombardia ha posto l’attenzione sull’esperienza dei centri di ascolto attraverso un lavoro di ricerca che ha condotto alla realizzazione del rapporto “La comunità di cura nella metamorfosi del sociale”.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *