Bovegno (Brescia) – La Valle Trompia, patria di minatori, in occasione dell’Anno Montiniano ricorda il legame profondo tra Papa Montini e le miniere con una mostra fotografica.

Fondazione culturale Canossi-Cibaldi – in collaborazione con la Chiesa di San Giorgio Martire e con il sostegno di Cassa Padana – celebra così l’indelebile ricordo della storica giornata in cui, il 15 agosto 1959, il futuro Paolo VI incontrò i minatori della Valle.

Una visita storica, per Bovegno e l’Alta Valle, che incise fortemente nella tradizione e nella storia dei minatori triumplini. La presenza del cardinale Giovanni Battista Montini segnò decisamente la vicinanza che il futuro Paolo VI avrebbe avuto con il mondo dei distretti minerari, anche nel ricordo dell’incontro che ebbe negli stabilimenti minerari della Ferromin, Torgola e Tassara in cui celebrò la Messa.

La mostra fotografica raffigura alcuni dei momenti più significativi della visita di Montini, con un ampio e dettagliato excursus della vita del giovane pontefice, risaltando lo spirito di servizio verso la Chiesa e l’attenzione per la dignità dell’uomo e del lavoro. Papa Montini ebbe, infatti, un legame particolare con la sua valle ed i minatori.

Da cardinale arcivescovo di Milano, nel ferragosto nel 59 celebrò la S.Messa alla miniera S. Aloisio, miniera dismessa dal 1985, che costituiva la più ricca ed estesa concessione mineraria di siderite della Valle Trompia

La mostra fotografica, visitabile fino al 16 agosto, mira a tenere viva la personalità, il pensiero e lo spirito di Montini e ad alimentare la sua devozione che nasce dall’affetto dei concesiani, la gente del Papa.