Tempo di lettura: 2 minuti

PARMA – I benefattori anonimi di cause sociali non sono certo una novità. Non farebbe dunque notizia il donatore misterioso che a Parma ha messo a disposizione 50 mila euro, se non fosse per un particolare inedito: il donatore destinerà i suoi soldi a un progetto scelto tramite una sorta di bando pubblico.

E per farlo si è affidato a Forum solidarietà, il centro di servizio per il volontariato della città emiliana, che nei giorni scorsi ha annunciato alle associazioni della provincia di aver aperto una raccolta di “idee progettuali” (scadenza 30 giugno) a beneficio di persone in situazione di disagio con lo scopo di favorire la domiciliarità, la formazione o l’accompagnamento al lavoro.

Sarebbe preferibile, specifica il Csv, che i progetti siano lo “sviluppo di un’azione già in corso”, ma saranno comunque valutate tutte le ipotesi. Unica condizione posta dal donatore per guidare la scelta del vincitore è che, una volta terminati i fondi, il progetto sia in grado di proseguire autosostenendosi.

Sull’identità del benefattore il Csv ha posto una totale riservatezza. Non si sa dunque se si tratta di un cittadino facoltoso, di uno che lo è diventato improvvisamente per una vincita, oppure di un’azienda.

Non è però l’ultimo caso del genere a interessare Forum solidarietà, che negli ultimi giorni ha ricevuto un’altra donazione importante: un privato ha infatti assegnato al Csv la proprietà di un appartamento in città, che entrerà presto a far parte di un nuovo progetto destinato alla comunità.

“Vent’anni di presenza e di iniziative sul territorio, – spiegano alla sede di via Bandini, – hanno permesso a Forum solidarietà di mettere radici e diventare un punto di riferimento forte per Parma e la sua provincia. E così, per molti, è spontaneo associare il centro di servizio a tutto ciò che riguarda volontariato e solidarietà, lo confermano le opportunità più svariate che ci arrivano continuamente, e che cerchiamo sempre di tradurre in azioni concrete”.

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *