Parma. L’evento etico e sostenibile più grande d’Europa, a portata di bambino, torna nella città ducale emiliana. Il Parma Etica Festival inizia venerdì 8 e termina domenica 10 giugno, sempre aperto dalle 9 alle 24. Tre giornate dedicate alla sostenibilità ambientale. Una quinta edizione, sempre al Parco 1 Maggio, Viale Barilla, ex Eridania di Parma, all’insegna del cibo buono ed etico. Conferenze con ospiti internazionali, laboratori olistici e di cucina, artisti di strada, bancarelle e attività per bambini. Ingresso gratuito.Saranno giornate dedicate all’importanza di uno stile di vita sostenibile e a tutto ciò che viene prodotto senza l’impiego di prodotti di origine animale. Unico nel suo genere, il Festival propone una quinta edizione ricca di novità a partire dal cibo: un ristorante tutto nuovo, con ricette anche della tradizione, buone per tutti.

Sotto al grande spazio coperto, si potranno quindi gustare lasagne, cappelletti, tortelli e burger prodotti da My Soia (un’azienda 100% vegan a km zero), ma anche buonissimi finger food del locale vegan Mc Queen di Gaione (Parma), dolci al cucchiaio vegan di Pane and Co., gelati artigianali vegan di Ciacco, cucina crudista e pizze al forno a legna dell’azienda Legalasino. Poi rassegne di cinema, conferenze con ospiti internazionali, laboratori olistici e di cucina, artisti di strada, bancarelle e attività per bambini.Il Festival presenta come sempre un fitto calendario e si ripropone, con i 35mila visitatori dello scorso anno, davvero al primo posto in Europa. – Tre giorni di festa all’insegna della Pace: continuiamo ad immaginare un mondo migliore – affermano gli organizzatori, – dove il cibo diventa protagonista,  veicolo di pace e armonia –

Anche quest’anno saranno presenti ospiti d’eccezione nelle conferenze organizzate sui vari temi. Un’altra novità di questa edizione è la rassegna di cinema etico con il Solar Mobile Cinema, un cinema mobile ad energia solare che coinvolgerà grandi e bambini, con proiezioni giornaliere.

Come da tradizione, inoltre, il Parma Etica Festival offrirà una salutare e appetitosa educazione alimentare cruelty-free con laboratori pratici per grandi e piccini. Ci saranno corsi di cucina consapevole e di autoproduzione, i laboratori, tutti a numero chiuso, si svolgeranno nella Palazzina Eridania di via Barilla n. 29 il 9 e il 10 giugno e prevedono gli assaggi con un piccolo contributo di 10 euro. Per informazioni e prenotazioni: corsiparmaetica@gmail.com.Venerdì 8, sabato 9 e domenica 10 giugno, sarà possibile partecipare all’esperienza teorico-pratica di pizza con farina tipo 2 prodotta dall’Az. Biologica Legalasino per bambini e adulti. Il laboratorio prevede l’insegnamento delle principali fasi per la realizzazione della pizza: impasto a mano, preparazione e costituzione della pallina, spianatura e farcitura, cottura nel forno a legna. Alla fine verrà rilasciato un attestato di partecipazione Mani in pasta. Necessaria la prenotazione il giorno antecedente al corso. Per info e prenotazioni entro maggio: parmaetica@live.com. Dopo tale data la prenotazione può avvenire solo telefonicamente inviando un sms o telefonando a Giordano 3471924078.

Come sempre particolare attenzione verrà data ai bambini, gli uomini di domani, che hanno il futuro nelle loro mani. Anche quest’anno ci sarà un grande spazio dedicato ai bambini e allo sport. Il detto latino “Mens sana in corpore sano” racchiude una verità che ben si applica alle motivazioni che portano alla creazione del Festival. Questo spazio dal titolo: “Diamoci una Mossa”, sarà la giusta cornice per evidenziare quanto lo sport sia benefico fin dai primi anni di vita. Ci saranno esibizioni di danza aerea delle allieve di Erika Ferrari della Noceto Dance Club, che si esibiranno anche con uno spettacolo: “Come nasce una Venere”. Tanti giochi e laboratori di arte e artigianato, aperti a grandi e bambini, come il corso creativo di feltro vegetale lavorato ad ago e ad acqua, curato dalla bravissima artista Diana Biscaioli.

E ancora, laboratori di danza creativa della ballerina argentina, corsi sull’arte dei burattini, incontri esperienziali e di lettura, “i giochi del cuore” della maestra Marta. Nel villaggio olistico: attività yogiche, massaggi di Shiatsu e Ayurvedici, incontri di meditazione e rilassamento. Non possono mancare le consuete mostre e le installazioni artistiche come L’albero dei desideri o la mostra d’arte figurativa, realizzata in collaborazione con il collettivo di artisti inglesi Art of Compassion: il ricavato dalla vendita delle opere artistiche internazionali sarà interamente devoluto in beneficenza alla Fattoria Capre e Cavoli, un santuario che accoglie animali, salvandoli dal macello.

Tantissimi spettacoli di teatro e di artisti di strada: con la collaborazione dell’attrice e maestra del travestimento Marta Mingucci-Natura e Teatro e l’acrobata Tatiana Foschi.

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.