Tempo di lettura: 2 minuti

“Lo capisci che sono troppi? Non possiamo farli entrare tutti”; “Mangiatelo tu il Kebab”; “Cancelleranno la nostra cultura”.

Sono questi i luoghi comuni che invadono il dibattito pubblico nei confronti di immigrati e rifugiati; luoghi comuni che la campagna internazionale online Words are stones di Lunaria vuole combattere.

Lunaria, associazione di promozione sociale che si occupa di volontariato, ricerca, migranti, ha lanciato questa campagna insieme ad Antigone (Grecia), SOS Racisme (Spagna), Grenzelos (Autria), Adice (Francia) e Kisa (Cipro). Situazioni stereotipate dove la narrazione è intrisa di razzismo e ignoranza.

Due personaggi in momenti di vita quotidiana più comuni: la partita di calcio, il cibo, il bar, il pronto soccorso, una festa. I due protagonisti, con la tecnica dell’animazione di plastilina in stop-motion, ci portano in quelle situazioni che sembrano ormai all’ordine del giorno, in una società intollerante, razzista e piena di pregiudizi.

Intolleranza, euroscettiscismo, odio e razzismo sono i sentimenti e impulsi sfruttati e strumentalizzati da movimenti nazionalisti e populisti per aumentare il loro consenso nell’opinione pubblica.

Una minaccia per la costruzione di una società europea democratica, pacifica e, soprattutto, una società accogliente e di accoglienza e che rischia di degenerare in veri e propri attacchi razzisti.

È fondamentale combattere ogni forma di intolleranza, stigmatizzazione e discorsi di odio nei confronti di immigrati e rifugiati. Una prima forma di lotta sta proprio nel linguaggio, come sottolinea la campagna di Lunaria, che alla fine di ogni video recita: “Sei meglio di queste parole”.

I video sono stati realizzati da Stefano Argentero (regia e animazione), Juri Fantigrossi (fotografia e montaggio), Fabio Fortunato (tecnico di registrazione) e Riccardo Pieretti (doppiaggio) con la tecnica dell’animazione di plastilina in stop-motion.

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *