Tempo di lettura: 3 minuti

Luzzara, Reggio Emilia. È il paese natale a ospitare la prima del film sull’arte e la vita dell’artista Serafino Valla, tra immagini, ricordi e testimonianze, dal titolo “Pecore in transito, meditazione tra inconscio e presente”. La prima nazionale del film, in occasione del centesimo anniversario della nascita di Serafino Valla, è in cartellone per domenica 6 ottobre alle ore 18 al teatro Sociale di Luzzara, con ingresso libero.

Fortemente voluto da Giuseppina Valla e dall’Associazione Il Seminatore di Valla con Multimagine Soc. Coop, Per la prima volta un film ripercorre la vita e il messaggio artistico, umano e sociale lasciato da Serafino Valla, pittore, scultore e scrittore nato a Luzzara nel 1919 e vissuto nei territori attorno al Po fino alla sua morte (Reggiolo, 2014). Adriana Dossi e Gigi Corsetti ne hanno curato sceneggiatura e regia.

Il film è un viaggio tra passato e presente, tra sogno e realtà, dove l’incontro di persone che hanno conosciuto Serafino o le sue opere, la messa in scena della sua vita come performance in mostra e il vivo messaggio dei suoi quadri accompagnati dai suoi stessi aforismi, ci portano nella dimensione dell’inconscio, tanto cara a Serafino e da lui ben esplorata con grande capacità di osservazione, con lucidità e realismo senza mai tradire la poesia della vita e dell’arte. Le musiche sono a cura di Massimo Zamboni che interpreta anche la voce di Serafino.

Il film ripesca nel lavoro dei primi anni ’70 condotto da Alfredo Gianolio che inizia a raccogliere su nastro, dietro sollecitazione di Cesare Zavattini, il racconto orale delle esistenze dei pittori naif vissuti o viventi attorno al Po, con la convinzione che “tutti al fondo della loro coscienza sono naif, perfino i direttori di banca”.

Attraverso tracce autobiografiche lasciate dall’artista con intenzione e lucidità, il film ripercorre la sua vita e mette a fuoco il suo messaggio artistico, umano e sociale. Dalla sofferenza esistenziale, particolarmente tragica nell’infanzia, fino ad arrivare alla poesia e all’arte che entrano nella quotidianità attraverso la pittura, la scultura e la scrittura e che diventano nella vita di Serafino Valla, elementi con un senso e una funzione fortemente terapeutici.

Le immagini dei quadri di Serafino Valla, i colori e le forme, dove emergono natura e paesaggi che accompagnano l’uomo, la materia delle sculture, gli aforismi e gli altri suoi scritti, diventano i protagonisti del film, accanto ai racconti e alle importanti riflessioni offerte da chi ha conosciuto l’artista e le sue opere.

Ne emerge la responsabilità dell’artista che, come disse lo stesso Vallanon perde mai la fiducia nella coscienza personale, in rapporto a quella fede che nemmeno il pensiero regge “ e porta fuori da sé, con coraggio e fedeltà, il suo messaggio attraverso le sue opere.
Con l’auspicio che la semina e la disseminazione dalla vita e dalle creazioni di Serafino Valla garantisca la presenza di poesia, perché “poesia presente o assente, questo è il problema

Il progetto ha ottenuto il patrocinio di Provincia di Reggio Emilia, Comune di Luzzara, Istituto Cervi (Gattatico), Comune di Gattatico, LUA Libera Università dell’Autobiografia (Anghiari), Biblioteca Maldotti (Guastalla), Comune di Guastalla, SPI-CGIL Reggiolo, Comune di Reggiolo, FIDAN Fondo Internazionale di Documentazione sull’Art Naif, Comune di Gualtieri, Comune di Sabbioneta, Comune di Collecchio, con la collaborazione di Archivio Famiglia Valla, Museo Nazionale delle Arti Naïves Cesare Zavattini (Luzzara), Arci Bergamo.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *