Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. Stimolare ed arricchire il dibattito culturale è la vocazione dell’Associazione Culturale Colori e Sapori che presenta “Pensare la natura – Un viaggio tra occidente, oriente, scienza e culture orali”, un ciclo di quattro incontri volti a indagare il rapporto fra sistemi culturali e mondo della natura, fra filosofia e natura.

Il corso cercherà di rispondere a due fondamentali interrogativi. Il primo, generalmente assai poco preso in considerazione, è quello su quale sia il rapporto fra Uomo e Natura nei diversi contesti culturali. Il secondo invece è relativo alla crisi climatica e ambientale che investe l’intero globo terrestre e che mette in pericolo la vita stessa delle future generazioni umane e biologiche: è necessario un cambio di paradigma per rispondere a tali crisi?

Nella convinzione che l’emergenza climatica non sia frutto di elementi casuali, ma la conseguenza di precise scelte che fondano in modo determinante l’attuale fase di sviluppo globale, definita da antropologi, economisti e scienziati “antropocene”, attraverso un percorso di quattro incontri si cercherà di capire come i nostri modi di pensare la Natura rappresentino la possibile causa dell’attuale crisi climatica e come altri sistemi di pensiero potrebbero fornirci valide alternative.

Saranno la scienza e la tecnologia a offrirci delle strade di salvezza? O una chiave per aprirci a un nuovo modo di concepire la Natura e di rapportarsi ad essa potrebbe giungerci da sistemi di pensiero di culture lontane dalla nostra, propria del mondo occidentale?

Il programma:

Mercoledì 13 novembre Genealogia del concetto di A ntropocene, con Marco Traversari, curatore dell’intero ciclo, insegnante di filosofia e docente a contratto all’Università Statale di Milano Bicocca.

Mercoledì 20 novembre Scienza e tecnologia, tra crisi e conoscenza ecologica, con
Franco Giudice e MarcoTraversari

Mercoledì 27 novembre Lo zen per uscire dall’Essere e sentirsi parte del tutto, con
Pietro Giorgio Chusei Zendrni e Marco Traversari

Mercoledì 4 dicembre La natura è mia parente, il punto d vista arcaico indigeno, con Giovanni Panza e Marco Traversari

Il corso “Pensare la netura- Un viaggio tra occidente, oriente, scienza e culture orali” si svolgerà dalle ore 18.30 alle ore 20 presso la Sala multifunzionale della Cooperativa La Rete, in via Luzzago 1/C a Brescia.

Per la partecipazione al ciclo di 4 incontri viene richiesto un contributo di 25 euro, per i singoli incontri invece è richiesto un contributo di euro 7. Ingresso con tessera Arci 2020.
Per ulteriori informazioni e iscrizioni contattare Alma Scaroni cel. 3386404158 , mail scaroni.alma@libero.it o Milena Chiarabini cel. 3661366679, mail milena.chiarabini@gmail.com

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *