Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. Fondazione Brescia Musei e Macof-Centro della fotografia italiana di palazzo Martinengo Colleoni, promuovono e organizzano “Brescia Photo Festival 2017”, evento di livello internazionale dedicato alla fotografia, con il sostegno del Comune di Brescia, MO.CA., della Fondazione Asm e la collaborazione di Silvana Editoriale e Laba.

“Brescia Photo Festival 2017” sarà connotato da un tema di carattere generale, quest’anno individuato in People, che muterà anno dopo anno.

L’unica regola è attenersi al titolo che è anche il tema della rassegna, People, rispettando il giorno di apertura, il 7 marzo. Tutto ruoterà intorno al museo Santa Giulia, che diventerà la camera oscura di autori internazionali, e al Macof, le cui sale saranno riservate agli italiani.

In museo arriveranno circa ottanta scatti dell’archivio Magnum, l’agenzia fotografica di Cartier-Bresson e Robert Capa che quest’anno festeggia i settant’anni. Dopo il corteggiamento convincente di Luigi Di Corato, direttore di Brescia Musei, sono state concesse immagini dei più grandi fotografi al mondo: Brescia sarà una delle poche città a poter festeggiare l’anniversario.

Al Macof, invece, il direttore Renato Corsini allestirà cinque mostre, ma di soli autori italiani. Secondo indiscrezioni è certo che abbia pensato (e già chiuso le trattative) per esporre i vintage di Mario Giacomelli in uno di questi percorsi su pellicola, mentre in un altro ci sarà un’antologica di Uliano Lucas, che è nel comitato scientifico del Centro della fotografia aperto a maggio (sugli altri tre non trapelano notizie).

L’idea di Di Corato e Corsini è di creare un festival nazionale, che duri più edizioni possibile e faccia della città un punto di riferimento del settore: il modello è Rencontres, quello di Arles (il più importante al mondo: l’hanno creato nel 1969, apre ogni anno a luglio e ha migliaia di visitatori).

Oltre al premio riservato ai giovani reporter e dedicato a Mario Dondero, l’uomo che mise in mano una Leica a Ugo Mulas e gli insegnò come si usa, ci saranno incontri con gli autori: verranno concentrati in una settimana, dal 7 al 14 marzo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *