Tempo di lettura: 3 minuti

Il processo di crescita della Germani Basket Brescia trova una nuova battuta d’arresto nell’ultima gara del 2018, arrivata per mano del Banco di Sardegna Sassari, capace di espugnare il PalaLeonessa con il punteggio di 71-95. Difficile trovare qualcosa di positivo nella prestazione della Leonessa, che dopo un inizio promettente (8-2) ha subito il montare della marea ospite, che già dopo i primi 10′ di gara aveva travolto tutto, facendo presagire l’esito finale.

Il 31-13 del primo quarto a favore della Dinamo, infatti, ha avuto l’effetto di mandare al tappeto i padroni di casa, che non hanno più trovato la forza per rimettersi in piedi e continuare l’incontro ad armi pari. Brescia ha annaspato sotto i colpi di Bamforth (22 punti, di cui 11 nel primo periodo) e Cooley (21, di cui 13 nei primi 10′ di gara) e con il passare del tempo non ha più trovato la confidenza necessaria per riaprire una gara che, dunque, non è mai stata in discussione.

Solo il lavoro in palestra potrà guarire i mali della Germani, qualunque essi siano. Il 2018, chiuso di fronte ai 4.500 tifosi sugli spalti del PalaLeonessa, meritava probabilmente una conclusione diversa, magari più in linea con quanto visto in (quasi) tutte le gare che hanno preceduto quella di oggi.

Con Brescia ferma a cinque vittorie a due giornate dal termine del girone d’andata, sarà l’inizio del nuovo anno a dare a Brescia l’occasione del riscatto, seguendo fatalmente il filo di ciò che avviene sempre nello sport. Starà alla Leonessa e ai suoi attori principali riuscire a cogliere questa occasione, mettendo in mostra quel carattere che non è mai mancato e che non mancherà neanche in futuro.

Le parole di Andrea Diana – “Dopo una partita del genere, la prima cosa che mi viene in mente è quella di chiedere scusa a tutti coloro che oggi sono venuti al PalaLeonessa. Stasera non abbiamo combattuto, non c’è niente dal punto di vista statistico o tecnico da analizzare se non i soli 14 falli di squadra commessi e i soli 9 tiri liberi concessi.

Come capo allenatore, mi prendo la responsabilità di non riuscire a trasmettere la giusta cattiveria agonistica ai miei ragazzi. Stasera non abbiamo offerto uno spettacolo degno di questo sport, avevo chiesto ai miei giocatori cattiveria agonistica e purtroppo non si è vista.

Abbiamo iniziato la partita con un parziale di 8-2 in nostro favore e poi non abbiamo più messo energia per pareggiare quella di Sassari, che ha tenuto percentuali altissime per tutto l’arco della gara. Questo ci ha sfiduciato ulteriormente, impedendoci di rientrare in partita. In questo momento c’è solo bisogno di trovare noi stessi e cercare un’anima di squadra forte e combattiva”.

GERMANI BASKET BRESCIA-BANCO DI SARDEGNA SASSARI 71-95 (13-31, 33-56, 55-82)
Germani Basket Brescia: Hamilton 15 (1/3, 3/7), Dalcò ne, Abass 17 (2/7, 3/8), Laquintana (0/4, 0/4), Cunningham 15 (3/10, 1/3), Caroli ne, Veronesi ne, Mika 4 (2/2), Beverly 4 (2/3), Zerini 6 (1/1, 1/1), Moss 4 (1/1, 0/23), Sacchetti 6 (0/2, 1/2). All: Diana
Banco di Sardegna Sassari: Spissu 3 (1/4 da tre), Smith 10 (3/5, 1/3), Bamfort 22 (3/6, 5/7), Devecchi (0/1 da tre), Magro 2 (1/1), Pierre 10 (2/5, 2/4), Gentile 3 (1/3 da tre), Thomas 9 (3/4, 1/4), Polonara 13 (2/5, 3/4), Diop 2 (1/2), Cooley 21 (8/13). All: Esposito
Arbitri: Begnis, Weidmann e Quarta
Note: Tiri da 2: Brescia 12/33 (36%), Sassari 23/41 (56%) – Tiri da 3: Brescia 9/28 (32%), Sassari 14/30 (47%) – Tiri liberi: Brescia 20/24 (83%), Sassari 7/9 (78%) – Rimbalzi: Brescia 29 (22 RD, 7 RO), Sassari 38 (29 RD, 9 RO)

CONDIVIDI
La Redazione
Siamo a Leno (Brescia) presso il Centro Polifunzionale di Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo. Se volete, venite a trovarci. Vi offriremo un caffè e faremo due chiacchiere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *