Sellero, Val Camonica, Brescia. Sabato 30 gennaio si inaugura il percorso museale dei forni da calce dell’ex ditta S.E.F.E., oggi Centro 3T, per le tre torri o fornaci da calce sorte nei primi anni quaranta, parte di un sito produttivo di carburo di calcio e calciocianamide che, attivo dal 1925, ha dismesso le proprie attività alla fine degli anni sessanta, lasciando le fornaci come sua ultima testimonianza.

La giornata di sabato è dedicata all’esplorazione della percezione visiva attraverso l’inaugurazione dei congegni ottici dell’allestimento museale del Centro 3T, l’evento è a ingresso gratuito. Le visite guidate porteranno i visitatori alla scoperta dell’uso della stereopsi per esplorare l’allestimento museale, tramite la visione binoculare, cioè la percezione umana che permette all’individuo di vedere la profondità. La stereoscopia è la tecnica, ormai plurisecolare, che simula le condizioni della stereopsi permettendo la visione della tridimensionalità.3T 1

I visitatori avranno così la “percezione” di com’era il territorio di Sellero negli anni in cui le fornaci erano in funzione, del lavoro, delle genti e del progressivo cambiamento, e la visione tridimensionale darà “l’illusione” di esserne partecipi e di viaggiare nel paesaggio e di come si presentava la valle. Una riscoperta del territorio parte da chi osserva. L’associazione P.I.R. inaugura con questo evento gli stereoscopi, allestimento museale del Centro 3T, che mostrano immagini storiche e di ricostruzione delle ex fornaci, edifici ed impianti significativi della storia dell’industria della media Valcamonica.

Nel piano terra i congegni ottici sono mobili, la visita guidata è quindi a prenotazione obbligatoria, con partenze per gruppi a partire dalle cinque persone. Mentre al piano superiore delle fornaci, il vecchio piano di carico della calce, le postazioni sono fisse e quindi fruibili facilmente dai visitatori.

Molto altro è previsto per giornata di sabato tra “percezione e illusione” per immergersi in una tecnologia coinvolgente ed esserne partecipi di tutte le sensazioni. Molti sono anche gli incontri sui vari temi. Dalle ore 15:15 alle ore 18:00, per i genitori che parteciperanno agli incontri, è garantito un servizio di ludoteca per bambini a partire dai tre anni; l’iscrizione dei bambini è obbligatoria. Un evento a cura di Francesca Conchieri e Mauro Cossu per Ass. Post Industriale Ruralità con il contributo di Fondazione della Comunità Bresciana all’interno del progetto Punto a capo. Con il patrocinio del Comune di Sellero. 3T 2

Ecco il programma della giornata:

9:15 / 11:00 Saluti del Sindaco di Sellero Giampiero Bressanelli e inaugurazione del percorso museale dei forni da calce dell’ex ditta S.E.F.E. con i congegni ottici (stereoscopi) realizzati dall’associazione P.I.R.  Visite guidate gratuiteper gruppi a partire dalle cinque persone è gradita la prenotazione.

11:15 / 12:30 La profondità della visione consapevole. Imparare a vedere e non accontentarsi di guardare. Gabriele Chiesa (studioso nell’ambito del linguaggio e della storia della fotografia, curatore) per Gruppo Ricerca Immagine – Phototrace. 

15:30 / 16:15 Pratiche sperimentali di visione e “cognizione incarnata”. Francesca Conchieri (Artista e progettista culturale) per Ass. P.I.R. Post Industriale Ruralità 

16:30 / 17:30 Visione naturale e Metodo Bates. La fusione delle immagini per giocare e migliorare la nostra visione. Morena Bernardi (Insegnante Metodo Bates riconosciuto e di musica) e Daniela Giovati (Ortottista, psico pedagogista, insegnante Metodo Bates riconosciuto) per Ass. A.I.E.V. Associazione Italiana per l’Educazione Visiva. 

21:00 / 22:00 Concerto “Partiture Tese”. Percezione dello spazio tra suono e visione. Mauro Cossu (Artista e compositore) per Ruinas Contemporaneas Sound visual art forum. Tecnico del suono Gianluca Canetto.

L’abitato di Sellero dista un’ora d’auto da Brescia percorrendo la provinciale in direzione Lago d’Iseo, Valle Camonica. Usciti a Sellero al primo semaforo svoltate a sinistra e costeggiate, a destra, la ferrovia per 200 metri. E’ possibile per i gruppi raggiungerci in treno prenotando la fermata a Sellero, linea Brescia/Edolo.

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.