Tempo di lettura: 2 minuti

Legnago (Verona) – Seminario pubblico presso l’Aulss 21 in occasione dei 30 anni della Cooperativa sociale Il Calabrone

«Perché mantenere chi può lavorare?» è il tema del seminario pubblico organizzato dalla Cooperativa sociale Il Calabrone di Legnago, Sabato 22 ottobre, in sala Campedelli, dalle 9,15 alle 12,30.

«Presenteremo i risultati di 30 anni di attività – spiegano gli organizzatori – ma vogliamo anche riflettere insieme sulle risposte che il territorio intende dare agli emarginati in questo tempo di crisi. Il rischio, di fronte alle vecchie e nuove povertà, è quello di fare assistenzialismo. L’esperienza cooperativa dimostra invece che anche chi ha ridotte capacità o una storia di emarginazione alle spalle può divenire un soggetto attivo in grado di produrre beni e servizi e guadagnarsi da vivere».

Promossa dalla Comunità Papa Giovanni XXIII, la cooperativa ha attualmente 50 persone inserite di cui 33 lavoratori assunti (il 48% dei quali soggetti svantaggiati), 9 persone in “inserimento sociale in contesto lavorativo”, 2 persone in tirocinio formativo e 6 volontari.

La cooperativa, che ha sede a Legnago in zona ZAI, svolge servizi per le aziende e gli enti locali in diversi settori, dall’assemblaggio elettromeccanico alla manutenzione di aree verdi, e gestisce a Cerea il negozio di abiti usati “Tessuto vissuto”.

Il seminario, moderato da Giorgio Malaspina, tra i fondatori della cooperativa, prevede gli interventi di Giovanni Paolo Ramonda, responsabile generale della Comunità Papa Giovanni XXIII, Arciso Peretto, presidente della Cooperativa Il Calabrone, Franco Moretto, direttore dei servizi sociali dell’Aulss 21, Mirko Tavella, responsabile area sviluppo di Lavoro e Società, Angela Battistella, responsabile del Servizio integrazione lavorativa dell’Aulss 21.

La sera, alle 18, è prevista invece una Messa presso la sede centrale della Cooperativa, a Legnago in via Bruno Menini 6, celebrata da don Martino Signoretto, vicario episcopale per la Cultura della Diocesi di Verona, cui seguirà una serata di fraternità con tutti gli amici e collaboratori.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *