Tempo di lettura: < 1 minuto

Ricordo un tempo quanto si ambiva al sacro impegno d’esser eletto “Chierichetto” nella propria Parrocchia, un importante impegno per mettersi al servizio del Signore. Poi, con il passare degli anni, considerato che ogni generazione porta con se un significativo processo di crescita e cambiamento, alimentato da nuove idee e nuovi progetti, ha portato alla sempre maggior decadenza del desiderio di ambire alla tanto aspirata posizione.

A tutto questo oggi contribuisce certamente la carenza dei Parroci sul territorio e la conseguente unione delle Parrocchie da una parte e di una quotidiana diminuzione del contatto con la propria gente dall’altra, ulteriormente aggravata da una sentita una riduzione dell’attività degli Oratori purtroppo sembra che a 81 anni non mi resti che vivere di ricordi, nonostante l’impegno dei Parroci rimasti ad oggi sia ancora attivo in quel verso, ma che riscuota scarsi risultati.

Per questi svariati motivi ho ritenuto ugualmente doveroso portare alla ribalta e, per quanto mi riguarda, dire un sentito “bravi” ai fratelli Carotti di Pieve Terzagni, come li possiamo ammirare nell’immagine, da sinistra Samuele, Saverio, Virginia e Cristina.

Purtroppo a Pescarolo al momento non ci sono i chierichetti concittadini e quindi sono loro a sopperire alla carenza locale arrivando nel nostro paese ogni domenica, accompagnati dai genitori, per mettersi al servizio del Signore alla S.Messa delle ore 11.