Tempo di lettura: 1 minuto

Crema – Il petricore è l’odore della pioggia, diversa in ogni luogo, ma sempre fortemente evocativa.

Una suggestione dei sensi e dell’anima ha ispirato le opere di Francesco Panceri, che presenta il proprio percorso pittorico sotto forma di un diario di viaggio. Le opere esposte nella sua città natale sintetizzano un anno e mezzo di cammino tra le terre d’Oriente e l’Oceania (Corea del Sud, Taiwan, Thailandia, Nuova Zelanda e Australia).

Un percorso fatto di istantanee e flashback cromatici, pagine pittoriche che ripropongono paesaggi desertici e orizzonti sconfinati, accarezzati da pioggia, nuvole, vento.

L’Assessore alla Cultura Paola Vailati è lieta di presentare l’esposizione, “che permette di conoscere in modo nuovo le opere di un professionista cremasco e mostrare una rassegna completa delle sue opere dell’ultimo periodo. L’attività di Francesco Panceri è conosciuta a livello internazionale e, anche in questo caso, le Sale Agello offrono una location unica che consente agli artisti di fare il punto sulla propria produzione”.

L’artista…
Nato nel 1976 a Crema, Francesco Panceri ha iniziato il proprio percorso partendo dagli studi superiori presso il liceo artistico, proseguiti con la laurea presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, a Milano. Molti dei suoi lavori si trovano in collezioni pubbliche e private in Italia, Cina, Corea del Sud, Giappone, Nuova Zelanda, Germania, India, Iran, Turchia, Siria, Olanda, Slovenia, Repubblica Ceca, Belgio, Polonia e Albania.

CONDIVIDI
Laura Simoncelli
Dopo il diploma di liceo scientifico, si laurea all’Univeristà Cattolica di Brescia nel 2004 in Lettere e Filosofia. Collabora con Fondazione Civiltà Bresciana e Bresciaoggi con stesura di articoli sportivi, cronaca e tempo libero. Dal 2004 al 2017 fa parte della redazione di popolis. E’ docente di italiano e storia presso le scuole medie e superiori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *