Tempo di lettura: < 1 minuto

Cremona. La Società Storica Cremonese continua la sua opera di divulgazione con un ciclo di incontri, da remoto, dal titolo “Piazze in dialogo“, quattro incontri  fino al 1 aprile, la piazza rappresenta uno degli elementi più importanti, sia per funzione che per significato. L’incontro potrà essere seguito su piattaforma Zoom ed in diretta Facebook.

La forma, l’ubicazione, la funzione e l’espressione estetica della piazza hanno seguito storicamente lo sviluppo urbanistico della città e cuore pulsante della società. Piazza. in greco agorà. Forum per i romani. ma anche platea e poi piazza. campo e campiello a Venezia.

Raccontare della piazza è dire di un senso di comunità, è dire di un luogo d’incontro e di epifanie, del centro di un mondo. del palcoscenico di un vivere condiviso. Con questo spirito la Società Storica Cremonese ha deciso di riflettere sul valore della piazza, non solo dal punto di vista architettonico e urbanistico, ma andando in cerca del valore e delle trasformazioni che le piazze della città hanno subito nell’arco del tempo.

Riflettere sullo spazio fisico di ritrovo, la Società Storica Cremonese ha deciso di farlo in piena pandemia, nel momento in cui il distanziamento sociale rischia di trasformare le piazze in deserto della città.

Il programma:

 

Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.