Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. La rassegna cinematografica pensata e organizzata dal FAI Giovani di Cremona: “il cinema ritrovato” al Filo di Cremona, ospita mercoledì 4 novembre “Salò e le 120 giornate di Sodoma”,  ultimo film scritto e diretto da Pier Paolo  Pasolini, presentato al pubblico nel novembre del 1975  quando l’autore sarà già morto da tre settimane. Riproposto quest’anno in occasione del 72º festival di Venezia e premiato nella categoria classici come miglior film restaurato.manifesto-Salo

Il Cinema FILO continua l’appuntamento mensile con la rassegna che ha trovato un grande riscontro dal pubblico nell’ultimo anno, vuole con questa pellicola ricordare una figura cardine della cultura italiana. Il film sarà proposto alle 16 e alle 21.

Intellettuale versatile, Pasolini si è dedicato radicalmente a scoprire i tanti volti della cultura italiana, scavando anche nel profondo, nel disagio e nei cambiamenti in atto in quei tempi, con rigore e fedele onestà. Un lavoro intellettuale che suscitò spesso forti polemiche e accesi dibattiti per la radicalità dei suoi giudizi. Troverà la morte che lo attende, brutale, violenta e insensata, la notte tra il 1 e il 2 novembre del 1975.PASOLINI

Quarant’anni fa se ne andava uno dei più fervidi interpreti dell’intellettualità italiana del XX° secolo, Pier Paolo Pasolini merita di essere ricordato in tutta Italia e, a maggior ragione a Cremona, dove il grande intellettuale, scrittore, poeta e regista visse per due anni da ragazzino.

Scrisse Alberto MoraviaLa sua fine è stata al tempo stesso simile alla sua opera e dissimile da lui. Simile perché egli ne aveva già descritto, nella sua opera, le modalità squallide e atroci, dissimile perché egli non era uno dei suoi personaggi, bensì una figura centrale della nostra cultura, un poeta che aveva segnato un’epoca, un regista geniale, un saggista inesauribile.”OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La rassegna organizzata dal FAI Giovani si propone di offrire al pubblico una raffinata scelta di pellicole d’autore restaurate dalla Cineteca di Bologna, che meritano di essere riscoperte ed apprezzate per la loro elevata qualità artistica. L’appuntamento do mercoledì 4 novembre sarà dedicato all’ultimo e più controverso film di Pier Paolo Pasolini, Salò o le 120 giornate di Sodoma, che torna al cinema in versione integrale a quarant’anni esatti dalla morte del poeta. Le proiezioni del film, tratto dall’omonimo romanzo di De Sade e ambientato nella Repubblica di Salò, avranno inizio alle ore 16 e 21 e saranno precedute da una presentazione a cura di Elena Mosconi, docente di Storia del cinema presso l’Università degli studi di Pavia – Sede di Cremona.

Il costo del biglietto pomeridiano è pari a € 5 per tutti, mentre il costo del biglietto serale è pari a € 6 con la riduzione a € 5 per gli iscritti FAI e gli studenti. Nel corso della serata i volontari FAI saranno a disposizione per far conoscere al pubblico le attività del Fondo Ambiente Italiano e le iniziative del Gruppo Giovani nel territorio provinciale. Inoltre gli spettatori potranno iscriversi al FAI a prezzi particolarmente interessanti.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *