Tempo di lettura: 1 minuto

Verolanuova, Brescia. Nel nuovo anno accademico che da trent’anni abbraccia l’autunno e l’inverno tra cultura, arte, viaggi incontri, storia e letteratura del consolidato sodalizio verolese, il prossimo venerdì 19 ottobre si terrà un incontro su Giacomo Leopardi e Vittorio Sereni. Due poeti che hanno segnato, seppur in forme diverse, i rispettivi secoli, l’Ottocento nel primo caso e il Novecento nel secondo.

All’Università Aperta di Verolanuova, con sede presso la biblioteca comunale in via Semenza, 2, nell’ambito della stagione di iniziative culturali promosse dalla realtà presieduta da Baldassare Monfardini, alle ore 15,15 è in programma una lezione dedicata ai due geni della letteratura che si suddividerà in altrettanti distinti momenti.

L’insegnante e giornalista Marzia Borzi tratterà dei “Canti” quale vertice della poesia di ogni tempo. Verrà inoltre richiamata la pubblicazione curata da Vincenzo Guarracino ed edita da Fondazione Zanetto nel 2017 che approfondisce i Canti leopardiani con uno sguardo nuovo sul grande poeta e filosofo recanatese.

Il giornalista Federico Migliorati illustrerà l’esperienza culturale di Vittorio Sereni presentando anche il volume, da lui curato e pubblicato quest’anno da Minerva, dedicato al rapporto intellettuale stretto tra il 1965 e il 1982 da Vittorio Sereni e Roberto Pazzi che comprende 91 lettere inedite oltre ad un’intervista realizzata al poeta e scrittore ferrarese. Migliorati era già stato ospite nel 2017 dell’Università Aperta di Verolanuova: in quell’occasione furono presentati la pubblicazione su Giorgio Bassani e il carteggio intercorso tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta tra Carlo Cassola e Angelo Gaccione.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *