Tempo di lettura: 2 minuti

Parma – Il Conservatorio di Parma organizza due concerti che esplorano il rapporto tra musica e spazio, in collaborazione con Università di Parma, Comune di Parma – Casa della Musica, Società Italiana di Musicologia e con il contributo di Ministero della Cultura e Fondazione Cariparma

Ci sono musiche che nascono per un particolare ambiente architettonico, altre che creano uno spazio sonoro attraverso procedimenti puramente compositivi.

Nell’ambito del Convegno internazionale Musica e spazio: esperienze passate, prospettive future, due concerti approfondiscono proprio il rapporto fra musica e spazio nei suoi aspetti estetici, storici, tecnici e tecnologici. Ospite straordinario del secondo appuntamento, l’Ensemble Taller Sonoro di Siviglia, specializzato nell’interpretazione della musica più attuale e sperimentale.

Giovedì 2 dicembre alle 20.30, nell’Auditorium del Carmine, si terrà il concerto “Polifonie spaziali”: opere di G. Grisey, J. M. López López, J. Torres Maldonado e B. Truax saranno interpretate dagli allievi del Conservatorio di Parma (scuola di percussioni del Prof. Danilo Grassi, Ensemble “Suono Condiviso” diretto dal Prof. Leonardo Bartali, scuola di Musica Elettronica del Prof. Javier Torres Maldonado).

Venerdì 3 dicembre alle 20.30, nella Sala dei Concerti della Casa della Musica, sarà la volta del concerto “Labirinti dell’immaginazione”: l’Ensemble Taller Sonoro (Luis Orden, flauto; Antonio Salguero, clarinetto; Alejandro Tuñón, violino; María del Carmen Coronado, violoncello; Ignacio Torner, pianoforte) interpreterà musiche di F. Lévy, A. Bornhoeft, A. Saba, F. Fanticini, E. Mendoza.

I Concerti sono organizzati dal Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma, in collaborazione con l’Università di Parma, il Comune di Parma – Casa della Musica e la Società Italiana di Musicologia. L’ingresso è gratuito.

Per il concerto del 2 dicembre è possibile prenotare compilando il form online. Per il concerto del 3 dicembre si può prenotare tramite l’App Parma 2020+21. Per accedere è necessario essere in possesso del green pass.